Raffaele Lauro: l’Italia rischia di finire nel baratro senza tre provvedimenti contestuali

Stampa

ROMA – La situazione politica italiana rischia il default per l’acuirsi dello scontro politico dovuto alla pretesa di Berlusconi&Co di un’immunità totale rispetto alla condanna inflitta dalla Cassazione al leader del PdL oggi rinato in Forza Italia.
In queste ore registriamo un preoccupato appello di Raffaele Lauro, già senatore della XVI legislatura e leader del Movimento politico “No all’azzardo. Salviamo l’Italia“. Dichiara Lauro: “La maggioranza, che sostiene il governo Letta, dovrebbe avere il coraggio storico e politico di varare tre provvedimenti contestuali, per i quali basterebbe un solo mese di lavori parlamentari, prima che il nostro paese cada in un baratro ingovernabile e la classe politica venga definitivamente travolta dal discredito: un’amnistia generale, la riforma elettorale e un’Assemblea costituente. Questa legislatura, nata morta, potrebbe almeno assolvere al compito di chiudere con il passato, lasciando al popolo sovrano, con nuove elezioni, anche costituenti, di decidere il futuro dell’Italia” .