Sorrento, Rosario Fiorentino: chiarezza sulla situazione della “Vittorio Veneto”

Stampa

SORRENTO – Secondo quanto dichiarato dal Sindaco Giuseppe Cuomo sarebbero bastati 180 giorni dall’atto di consegna dei lavori per far rinascere a nuova vita la scuola “Vittorio Veneto“, questione su cui non finiscono le sorprese come evidenzia Rosario Fiorentino, presidente della Commissione consiliare per la Trasparenza. Sull’argomento registriamo la dichiarazione del Consigliere che evidenzia alcuni elementi interessanti su cui soffermarsi. Spiega Fiorentino: “Il dissequestro definitivo della Scuola è giunto soltanto alcuni giorni fa per cui nessun consegna di cantiere è stata fatta in quanto il custode giudiziario era l’assessore Maria Teresa De Angelis.

Inoltre va detto che fino a quando era in servizio l’Ingegnere capo del Comune, il progetto esecutivo non era stato ancora approvato in Giunta, Non vorrei che questi ritardi stiano a coprire un’eventuale variante onerosa per il Comune in quanto il progetto è carente di quei requisiti essenziali e sostanziali prescritti dalle norme sulla sicurezza e denunciate anche da esperti della materia“.

Va inoltre considerato che il TAR Canmpania “…ha accolto parzialmente il ricorso della scuola ed ha chiesto però al Comune di relazionare sullo stato di attuazione dei lavori in corso alla Vittorio Veneto. A questo punto è doveroso che si faccia chiarezza sull’intera vicenda per sgomberare il campo da ogni equivoco se vogliamo che la Scuola ritorni ad acquisire la sua piena funzionalità“.