Piano di Sorrento, al via i “Salotti del Venerdì”: si comincia con Gomez, Cantone e Sannino

Stampa

PIANO DI SORRENTO – Nomi conosciuti al grande pubblico, libri di successo, dibattiti sui temi del presente e del futuro del Paese, al centro dell’agenda della politica, dell’economia e del giornalismo. E’ la ricetta di successo dei ‘Salotti del Venerdì’ a Piano di Sorrento, la rassegna estiva organizzata dal settore Cultura dell’amministrazione comunale di Piano di Sorrento, e diretta dal giornalista Vincenzo Iurillo, corrispondente campano de ‘Il Fatto Quotidiano’. I Salotti del Venerdì’ tornano anche quest’anno con un programma di grande respiro ed interesse: il web e il diritto all’informazione, la lotta alla camorra casalese, il boom e i retroscena economici del Movimento 5 Stelle, il tramonto del bassolinismo, ed altro ancora. Gli incontri prenderanno il via il 21 giugno e si concluderanno il 26 luglio.

Un calendario di appuntamenti nella importante e bellissima cornice della terrazza di Villa Fondi.  Fa eccezione la serata inaugurale, prevista in Piazza Cota venerdì 21 giugno alle 21, con Peter Gomez, Raffaele Cantone e Conchita Sannino che parleranno di web, libertà di stampa e diritto all’informazione e di come internet ha cambiato il giornalismo e i suoi rapporti con il potere e i lettori.

Gomez, giornalista e scrittore di best seller cofirmati con Marco Travaglio, è attualmente il direttore de ‘ilfattoquotidiano.it’, testata web capace in pochissimi anni di conquistare il record di 700.000 contatti unici al giorno, che sta sperimentando nuove forme di coinvolgimento dei lettori nella scelta degli argomenti e delle inchieste da seguire.

Cantone, magistrato del massimario di Cassazione, scrittore di libri sulla camorra casalese, blogger della versione web de ‘Il Mattino’, interverrà in veste di giurista. La Sannino, inviata di ‘Repubblica’ autrice dello scoop su Noemi Letizia (sul quale ha scritto un libro, ‘La Bolgia’, presentato a Piano di Sorrento 3 anni fa), parlerà delle sue esperienze di giornalista continuamente alle prese con i rinnovamenti dei mezzi e dei linguaggi dell’informazione.

Il 28 giugno Villa Fondi ospiterà il dibattito sul libro ‘L’Ultimo Bunker’ (Garzanti), il racconto della cattura del superboss dei Casalesi Michele Zagaria, scritto dal magistrato che l’ha fatto arrestare. Ne saranno protagonisti gli autori, il pm dell’Antimafia di Napoli Catello Maresca e il giornalista Francesco Neri.

Il 5 luglio ‘Diaz’ (Imprimatur) di Simone Di Meo e Gian Marco Chiocci riaprirà la ferita del massacro nella scuola di Genova durante i giorni del G8 dell’estate 2001. Il libro descrive la versione del capo degli agenti speciali anti-black bloc, Vincenzo Canterini.

Il 12 luglio Federico Mello, già giornalista de ‘Il Fatto Quotidiano’ e di ‘Pubblico’, attualmente impegnato in un programma di approfondimento della Rai, discuterà del suo libro “Il lato oscuro delle stelle’ (Imprimatur). Il volume spiega la dittatura digitale di Grillo e Casaleggio all’interno del M5S attraverso testimonianze, documenti e retroscena inediti. Sarà ospite il senatore del M5S Andrea Cioffi.

Il 19 luglio a Villa Fondi toccherà a Maria Giovanna Capone e Nico Pirozzi, autori di “Francesca e il Cavaliere’ (Cento Autori), un libro particolarmente agile e sfizioso che narra la biografia – non autorizzata – della nuova first lady di Berlusconi.

Si chiude il 26 luglio con un libro sull’ascesa e il tramonto di Antonio Bassolino, colui che fu il capo indiscusso di Napoli e della Campania, “Napoli non è Berlino” (Dalai editore)”, scritto dal sociologo Isaia Sales, che prova a descriverci la parabola di Bassolino come una metafora del sogno di riscatto del Sud.