Piano di Sorrento, Michele Maresca (Podemos): situazione critica per l’Amministrazione

Stampa
Michele Maresca

Michele Maresca

PIANO DI SORRENTO – Il Consigliere di minoranza Michele Maresca (Podemos) all’indomani della sedeuta consiliare che ha consacrato l’ingresso in consiglio di Teresa Cappiello al posto di Costantino Russo e la nomina ad assessore di Marco D’Esposito, ha pubblicato su facebook il seguente commento sulla situazione politico-amministrativa locale: “Ieri pomeriggio consiglio comunale di fine d’anno, ma senza botti. In effetti il grosso botto c’era già stato la settimana scorsa con le dimissioni di Costantino Russo, sulle cui cause la maggioranza ha voluto glissare etichettandole come “motivi personali“.

I Consiglieri di Opposizione

I Consiglieri di Opposizione

Tutti sanno invece che le dimissioni di uno degli assessori più importanti ed impegnati, espressione di più di un migliaio di cittadini che lo hanno votato e che sono rimasti senza rappresentante politico, sono il risultato del progressivo processo di disgregazione di una coalizione che, in effetti, non è mai stata omogenea.  Il passaggio delle deleghe al, pur volenteroso, Marco D’Esposito e la surroga alla giovane neo-consigliera Teresa Castellano, non potranno certo fungere da collante per un mosaico le cui tessere procedono in ordine sparso.
Siamo giunti esattamente a metà del mandato consiliare, ma questa maggioranza non ha raggiunto nessuno degli obiettivi prefissati nel programma elettorale, neanche quello più semplice da realizzare in quanto già provvisto di progetto approvato, e che sta più a cuore ai cittadini (che hanno già contribuito di tasca propria), cioè la realizzazione dei loculi cimiteriali.

Per non parlare dei progetti relativi a Piazza della Repubblica, piazza Cota, scuola Carlo Amalfi, etc. la cui realizzazione doveva costituire il fiore all’occhiello di questa amministrazione, e che invece resteranno delle irraggiungibili chimere.
Quello che avevamo evidenziato già nelle prime settimane della consiliatura, e cioè la mancanza di collaborazione e coesione tra i vari esponenti della maggioranza e tra essi ed i funzionari comunali, è diventata sempre più palese, ed ostativa alla realizzazione del programma elettorale.  Gli assessori continuano a scaricare sui funzionari e sulla carenza di risorse umane la colpa della mancata realizzazione dei progetti.  Ma la responsabilità del funzionamento e dell’organizzazione della macchina comunale è eminentemente politica. E sono i politici che devono renderne conto ad i cittadini che li hanno eletti.

sindaco-vice-s-e-presidente-cc

Pasquale D’Aniello, Vincenzo Iaccarino, Mario Russo

Il sindaco Iaccarino, che comunque stimo dal punto di vista umano come persona onesta e volitiva, si trova, obiettivamente, ad essere sempre più isolato ed indebolito, e sempre meno riesce a contenere i distinguo e le intemperanze dei suoi consiglieri e del pugnace Presidente del Consiglio.  In questa precaria situazione, un’altra importante, e non improbabile defezione, potrebbe risultare fatale per il destino dell’amministrazione. Spero che i membri della giunta prendano atto delle innegabili difficoltà ed incompatibilità e si comportino di conseguenza per il bene del Paese che rappresentano, e che si aspetta molto di più da loro. Buon anno nuovo a Piano di Sorrento ed a tutti i suoi laboriosi cittadini”.