Il caso-De Girolamo…Ma vadano a lavorare Moglie (NCD) e Marito (PD)

Stampa
Nunzia De Girolamo e Francesco Boccia

Nunzia De Girolamo e Francesco Boccia

Da oltre una settimana Vincenzo Iurillo è in prima pagina su “Il fatto Quotidiano” alle prese col caso del Ministro delle Politiche Agricole Nunzia De Girolamo, ex PdL e oggi NCD, protagonista di una serie di sconcertanti episodi di condizionamento delle istituzioni denunciare da un suo ex collaboratore oggi inquisito, ma che sta svelando quello che sembra un vero e proprio sistema-de girolamo, della giovane deputata beneventana moglie dell’on. Franco Boccia del Partito Democratico. Uno scandalo che, al di là dei fatti specifici e dei possibili risvolti giudiziari a carico della Ministra, da più parti si cerca di nascondere per non creare nuovi problemi al governo-Letta che di tutto sembra discutere, a vuoto se non per l’imposizione di salassi fiscali ai contribuenti, tranne che di questione morale.

Anzi è impegnato, col pretesto di affrontare la crisi carceraria, a varare norme sempre più blande in materia di lotta alla corruzione e alla criminalità, fino all’ultimo provvedimento che esclude l’arresto preventivo trasformando l’Italia in un Paese dove deliqnuere è sempre più semplice e permesso. Intanto “distraendo” l’opinione pubblica con tematiche che non interessano benchè minimamente gli italiani (basta fare un sondaggio) come per esempio il cognome della madre per i figli o la solita manfrinta sui matrimoni gay. Piuttosto vadano a lavorare, moglie e marito, invece di continuare a scroccare stipendi con annessi e connessi dalle tasche degli Italiani. Vergogna!