Sant’Agnello, lettera aperta-denuncia dell’ACIS a tutti i Consiglieri Comunali

Stampa

SANT’AGNELLO – Con una nota pubblicata su facebook l’Associazione ACIS di Sant’Agnello fa una pubblica denuncia che di seguito si riporta: “L’ ACIS Associazione Commercianti e Imprenditori di Sant’ Agnello venuta a conoscenza di quanto accaduto il 14/12/2013 sera in un’ operazione a dir poco inconsueta nei confronti di un venditore di colore, facendosi portavoce delle tante persone presenti, esprime il proprio dissenso per il comportamento tenuto da chi preposto per tale servizio, invita questa amministrazione comunale ad affrontare una volta per tutte problematiche importanti riguardo al commercio e ad assumersi le proprie responsabilità, si augura che venga aperta un’ inchiesta interna e che si faccia piena luce per stabilire eventuali responsabilità.

In assenza di risposte certe saremo costretti ad esporre questo ed altri casi alle altre autorità competenti”. Dal web è stato rimosso un allegato al post di denuncia per cui abbiamo cercato di ricostruire l’accaduto cui fa riferimento la nota dell’ACIS senza però entrare nel merito. Praticamente un ambulante di colore sarebbe rimasto vittima di abusi da parte di persone preposte alla vigilanza che non sono state identificate. Praticamente non si comprende se trattasi di un vigile urbano o di altra autorità di polizia o, addirittura, di responsabili dell’organizzazione della kermesse indetta per il santo patròno.