Sorrento, Il Ponte “fagocita” nuovi consiglieri per diventare primo partito

Stampa

SORRENTO – L’entrata in consiglio comunale di Tonino Acampora al posto di Antonino Pane rientra nell’ordinario accordo di turnover interno alla civica fondata dall’ex assessore ai LL.PP. Mariano Pontecorvo che, a dispetto di chi lo considerava ormai fuori da giochi di palazzo, si conferma il principale stratega dell’amministrazione-Cuomo di cui può essere considerato il direttore d’orchestra. Cuomo ha incassato il cambio di consigliere insieme all’adesione dell’assessore Mario Gargiulo a Il Ponte che toglie d’impaccio il PdL considerato eccessivamente rappresentato nei centri di comando e ridimensiona il malcontento di Pane sulla vicenda dell’accorpamento dell’Istituto “Grandi” che ha scatenato molte polemiche di cui si è fatto interprete lo stesso ex consigliere che ieri mattina ha formalizzato in Comune la lettera di dimissioni.

L’offensiva de Il Ponte però non si ferma qui. Del resto non è una novità visto che Pontecorvo da tempo ha annunciato che la sua compagine sarebbe presto cresciuta in consiglio comunale grazie alle adesioni di consiglieri eletti in diverse formazioni civiche.

Si preannunciano a breve altri passaggi di cantiere e tutta l’operazione va letta nella prospettiva del rafforzamento della coalizione che ricandiderà Cuomo per il secondo mandato. Con Mario Gargiulo, Raffaele Apreda e Mariano Pontecorvo il sindaco può contare su un gruppo molto rappresentativo, senza contare gli UdC di Sagristani che nelle prossime settimane potrebbero seguire il loro leader nell’approdo a una nuova formazione politica che orbita nell’area del PdL. Insomma la politica a Sorrento è mobile…