La “trasgressione” di Don Nicola De Maria candidato con CD

Stampa

Sta polarizzando l’attenzione dell’opinione pubblica e dei media Don Nicola De Maria, il sacerdote che dirige la piccola Chiesa di San Biagio e che si è candidato alle elezioni comunali a Sant’Agnello nella lista dei Cristiani Democratici che candida sindaco Rosario Salerno. Questo prete 79enne, noto alle cronache per le diatribe con la Curia Arcivescovile all’epoca retta dall’ex Vescovo Cecere di cui era stato compagno di seminario, è riuscito ad aggiudicarsi uno spazio mediatico in una campagna elettorale avara di confronti e che, dietro l’apparente ordinarietà, nasconde una partita ben più grossa di quella che si immagina. La curiosità suscitata da De Maria quindi rischia di spostare l’attenzione dell’elettorato dai temi veri di questa competizione elettorale che conclude un periodo di commissariamento prefettizio di cui si parla poco.

De Maria non sarà eletto perchè nella stretta finale elettorale i due contendenti alla poltrona di sindaco faranno piazza pulita dei consensi dei cittadini i quali, per la verità, non sono soliti disperdere voti. Del resto col sistema elettorale vigente l’elezione di De Maria potrebbe aver luogo soltanto se la lista dei Cristiani Democratici ottenesse almeno due seggi dei tre disponibili complessivamente per le due liste che perdono le elezioni. Quindi il problema non sussiste e da qui si spiega anche il silenzio scelto dalla Curia Arcivescovile su un caso destinato a sgonfiarsi fra due settimane.

Il confronto sui temi scottanti di questa campagna elettorale cresce lentamente, si presume che Sagristani e Orlando non avranno occasione di confrontarsi al pubblico come sarebbe logico e auspicabile. Sagristani sa che un confronto diretto e pubblico con Orlando lo metterebbe parecchio in difficoltà e quindi prosegue nella sua campagna elettorale tradizionale che, però, mostra crepe su diversi fronti: a cominciare dalla proposta di realizzare il PalaExpo che è diventata un boomerang.

Ma non finisce qui perchè dal quartier generale di Orlando si prepara una controffensiva a 360 gradi sulle contraddizioni di Sagristani&Co, sul suo operato anche di assessore provinciale al turismo, sulle sue proposte e sulle sue modalità di svolgimento della campagna elettorale di cui Orlando e i suoi candidati parleranno domenica sera, alle 19.30, in occasione della presentazione della lista. Insomma, con tutto il rispetto per De Maria, si discuta di cose concrete e si faccia un’operazione verità su questi anni malandati!