Sant’Agnello, certi poteri non ti lasciano libero di partecipare…

Stampa

La risposta a un commento di un lettore che chiedeva a D’Esposito di candidarsi alle prossime elezioni a S. Agnello

di Vittorio D’Esposito

“Mi piacerebbe caro Mike, ma ho paura che i cittadini non apprezzino che una persona si batta per i loro diritti. Purtroppo quando si lotta per i diritti dei cittadini, si entra in contrasto con forti interessi economici, e si apre uno scenario che credimi, meglio non conoscere. Diffamazione, denunce, intimidazioni, a volte anche fatte da persone di legge, corruzione. Questo ti porta a vivere situazioni di ansia, che poi alla fine ti cambiano la vita…
Io volevo vivere la mia dignitosa vita, fatta di lavoro e creativita’, ma alla fine sono stato costretto, a protestare, perche’ mi sono accorto che la tanta osannata democrazia, è diventata solo un paravento, per mascherare gli abusi piu’ assurdi, fatti poi da quelle persone che dovrebbero amministrare la nostra comunita’.

Quelle persone che dovrebbero dare l’esempio, come dei padri ai propri figli’. Io non voglio essere il custode della verita’ o del giusto, continuo a sforzarmi per capire le cause che hanno portato alla malsana gestione della cosa pubblica, stravolgendo qualsiasi norma di buon senso, nel rispetto del territorio dell’ambiente e della qualita’ di vita e dignita’ dei cittadini.

Al momento voglio soltanto cercare di scuotere gli animi dei cittadini, e fargli capire che tutti i conflitti, le vittime immolate in nome della LIBERTA’, non possono essere cancellati e calpestati da una politica di malaffare. Spero con le mie opinioni di contribuire all’evoluzione della dignita’ e sovranita’ dei cittanini di Sant’Agnello”.