Domani all’Hilton convention di Confindustria con i Grandi Chef

Stampa

Unione Industriale Napoli

SORRENTO – Domani alle 15.00 all’Hotel Centro Congressi Hilton sarà di scena l’Unione Industriali di Napoli che h organizzato il Forum “L’industria Alimentare si confronta con i grandi Chef – una collaborazione da costruire per realizzare valore”. Apertura dei lavori con i saluti di Giovanni Lettieri, presidente dell’Unione di Napoli e relazione introduttiva di Carmine Caputo, presidente della sezione industria alimentare, sul tema: “La realtà industriale a confronto con la ristorazione stellata”. Alle 15.45 la parola passa agli attori protagonisti della cucina: “Il punto di vista degli chef: esigenze e suggerimenti” con Giuseppe Aversa (Il Buco), Mariella Caputo (taverna del Capitano), Michele De Leo (L’Accanto), Danilo Di Vuolo (Ristorante Maxi) e Gennaro Esposito (Torre del Saracino). Alle 16.30 la tavola rotonda: “Come orientare la relazione tra industria alimentare e ristorazione per realizzare valore: una collaborazione da costruire” con gli itnerventi di Daniele Rossi (direttore generale Federalimentare), Ottavio Cagiano de Azevedo (direttore generale Federvini), Carmine Caputo (presidente sezione industria alimentare), Mario Pagliari (presidente sezione turismo), Salvatore Improta (direttore Filiale imprese Centro Dir. Banco di Napoli), Vincenzo Fogliano (Univ. Agraria di Portici). L’industria alimentare nell’area metropolitana di Napoli si caratterizza per l’elevata qualità dei prodotti, frutto della capacità di miscelare sapientemente materie prime, lavorate secondo ricette e tecnologie inimitabili, con processi di produzione consolidati nel tempo. La ristorazione stellata rappresenta, d’altro canto, la migliore espressione della qualità e dell’eccellenza del sistema alimentare del nostro territorio, caratterizzandosi per l’estrema cura nella selezione e lavorazione delle materie prime che rende la cucina italiana un valore unico nel panorama internazionale. Obiettivo del Forum è quello di individuare forme di cooperazione basate su strategie di pianificazione che prevedno una maggiore attenzione al territorio, con un approccio che tenga conto delle interdipendenze tra le varie componenti sopra rappresentate. L’individuazione di modelli e percorsi organizzativi di interazione ed integrazione tra i due sistemi può rappresentare, di fatto, un’efficace modalità di valorizzazione del nostro sistema produttivo, con positivie ricadute anche per il comparto turistico.