Paul Connett a Sorrento incorona il Conca Park primo hotel “zero waste” d’Italia

Stampa
Rossano Ercolini e Antonino Esposito

Rossano Ercolini e Antonino Esposito

SORRENTO – Stamattina all’Hotel Conca Park si è svolto un incontro sulle buone prassi per un turismo sostenibile alla presenza del Prof. Paul Connett, ideologo della filosofia Zero Waste (rifiuto zero), del Presidente dell’Anci della Campania (l’Associazione dei Comuni d’Italia) Francesco Iannuzzi, del maestro Rossano Ercolini assessore all’ambiente del Comune di Capannori, di esponenti del mondo ambientalista (WWF, Lega Ambiente, Slow Food, Comitato Civico Marina della Lobra, etc…), dei rappresentanti di Penisola Verde e Terra delle Sirene (le municipalzizate che gestiscono il settore della raccolta e smaltimento dei rifiuti in Costiera), da Associazioni (Università della Cucina Mediterranea, ANBA, ASBA, Ass. Artemia Salina, etc…) e alcuni imprenditori e qualche esponente delle Amministrazioni locali.

R. Nicolini e Paul Connett

R. Nicolini e Paul Connett

A fare da padrone di casa Antonino Esposito, responsabile dell’Associazione “Una Stella per l’Ambiente” e tra i maggiori esperti delle buone prassi in materia di riduzione dei rifiuti, insieme ai proprietari dell’Hotel Conca Park Mariano Russo con i figli Lello e Mariella che hanno sposato la causa del rifiuto zero attuandone il protocollo che li ha consacrati prima struttura alberghiera d’Italia “zero waste”.

AL CONCA PARK IL PRIMATO NAZIONALE “ZERO WASTE”

Mariella Russo e Virginia Tortora

Mariella Russo e Virginia Tortora

Un primato che è frutto di un lavoro durato oltre un anno e che ha praticamente rivoluzionato i procedimenti di governo dell’albergo coinvolgendo nell’operazione “riduzione rifiuti” oltre ai titolari, il personale tutto e gli ospiti della struttura alimentanto un circuito virtuoso che ha praticamente ridotto di oltre il 50% la produzione dei rifiuti su base annuale. Insomma un successo che rilancia prepotentemente anche la qualità dell’ospitalità turistica a Sorrento grazie all’intraprendenza e alla lungimiranza di imprenditori impegnati a realizzare performance innovative sul piano dell’accoglienza in sintonia con l’accresciuta sensibilità dell’opinione pubblica internazionale sulle buone prassi applicate al turismo e all’industria della vacanza. Nei video che proponiamo sul sito e su www.campaniachannel.tv è possibile toccare con mano i risultati conseguiti e apprendere dalla viva voce dei protagonisti di questa straordinaria giornata com’è possibile attuare una sinergia in grado di produrre risultati così importanti al punto da indurre il Presidente dell’Anci Campania, Francesco Iannuzzi, già sottoscrittore del protocollo d’intesa sulle politiche zero waste, ad annunciare iniziative dirette a far recepire nei regolamenti municipali per la gestione dei rifiuti politiche di premialità in favore delle realtà imprenditoriali che riducono così efficacemente la produzione dei rifiuti. Insomma fatti e non chiacchiere di cui troppo spesso si riempiono la bocca quanti di turismo e politiche turistiche parlano senza però cimentarsi in concreto nell’attuazione di interventi in grado di sintonizzarsi con le nuove tendenze di un mercato dei consumatori sempre più attento ai temi dell’ambiente e della salvaguardia del territorio.

SERVE PIU’ PARTECIPAZIONE PER DIFFONDERE LE BUONE PRASSI AMBIENTALI

Mariella Russo e Iannuzzi

Mariella Russo e Francesco Iannuzzi (Anci)

Questi appuntamenti, soprattutto quando c’è l’occasione di toccare con mano i risultati di attività e investimenti reali a sostegno dello sviluppo sostenibile, dovrebbero però vedere realmente coinvolti gli amministratori locali, gli opinionisti e i giornalisti che, come ha evidenziato il prof. Connett, hanno tutti una grande responsabilità nel diffondere queste buone prassi. Purtroppo la politica è avara nella partecipazione e la stampa è pigra a confrontarsi su questi temi fosse solo per soddisfare quella naturale curiosità che la dovrebbe spingere a capire meglio che cosa sta succedendo almeno nella realtà si vive e si opera. Due pecche (l’avarizia della politica e la pigrizia della stampa) alle quali occorre  porre riemdio perchè il futuro della Penisola Sorrentina, come del resto del mondo, l’ha spiegato molto bene il prof. Connett: “l’abbiamo nelle nostre mani, oggi, e tutti quanti stiamo consumando il futuro dei nostri figli privandoli della qualità della vita“.  Il senso di questa iniziativa che porterà l’hotel Conca Park a diventare testimonial, ad Ottobre in Canada, delle buone prassi nel turismo, come evidenziato da Rossano Ercolini, è perciò quella di condividere l’esperienza e contaminare positivamente quelle realtà amministrative, imprenditoriali, scolastiche, associative nelle cui mani c’è la responsabilità di affermare questi principi nell’interesse generale. Un esmpio, com’è stato evidenziato da Antonino Esposito (promosso sul campo da Ercolini e Connett come uno dei massimi esperti di riduzione dei rifiuti a livello nazionale) è stato quello posto in essere dall’Ascom di Sorrento che ha dato seguito, con una propria direttiva agli esercenti commerciali, all’attuazione di “premialità” connesse alla riduzione dei rifiuti.

PIETRO PARISI IL CUOCO CONTADINO…E ANCORA: IL POLO GASTRONOMICO “CAMPANIA IN 3B”

Chef Pietro Parisi

Chef Pietro Parisi

Tra i presenti all’evento di questa mattina uno chef d’eccellenza, Pietro Parisi definito il “cuoco contadino” che del riuso dei prodotti alimentari, in particolare le verdure, ha creato un nuovo movimento cultural-gastronomico grazie al quale i cosiddetti scarti della cucina diventano prelibatezze del palato, immortalati nei caratteristici “boccaccielli” divenuti in breve tempo gustose pietanze apprezzate in tutto in tutto il mondo. La testimonianza non solo di una fantasia, ma soprattutto di una sensibilità culturale grazie alla quale lo spreco alimentare, uno dei veri e propri drammi delle società moderne, può essere sconfitto con significative ripercussioni anche sul piano sociale oltre che economico. Sempre l’Hotel Conca Park è stato protagonista, la scorsa settimana, di un altro importante riconoscimento quale sede dell’Università della Cucina Mediterranea divenuta capofila del Polo Gastronomico Professionale della Regione Campania denominato “Campania in 3B” che riunisce 49 partner tra Scuole (fra cui la prestigiosa Cast Alimenti di Brescia), Università, Aziende, Associazioni, Enti per la formazione in campo enogastronomico, turistico e dei beni culturali, un’iniziativa che punta a qualificare la prefessionalità degli operatori della cucina per migliorare ulteriormente le politiche di accoglienza turistica.

Staff UCMed

Staff UCMed

A Giugno, anticipa Vincenzo Califano direttore dell’UCMed, sempre qui al Conca Park si terrà un’altra importante iniziativa rivolta a tutti gli operatori del settore della ristorazione (alberghi, ristoranti, B&B, agriturismi, mense, etc…): “Il nostro lavoro non punta assolutamente alla spettacolarizzazione mediatica, ma all’adozione di buone prassi e strategie vincenti da condividersi..In questo modo si riesce ad affermare il primato turistico e gastronomico dell’Area Costiera con l’obiettivo di accrescere sempre di più l’interesse dei turisti italiani e stranieri verso questo territorio, al di là dei riti mediatici che lasciano il tempo che trovano e che anzi spesso finiscono solo con l’esaurire la forza di attrazione verso questa terra e verso chi in essa vive e produce onestamente“.

Video 1

Video 2

Video 3