Massa Lubrense. Tutti i “folgorati” dal PD renziano…Appello alla Senatrice Bossa

Stampa
di Antonino Coppola

Antonino Coppola

Antonino Coppola

Cara Senatrice Bossa,
sono l’ex Assessore al Turismo di Massa Lubrense. Qualche anno fa ci siamo conosciuti ad Ercolano in occasione della festa delle Madonnine subacquee. Volevo ringraziarla perchè finalmente qualcuno incomincia a mettere in evidenza questo fenomeno vergognoso che sta succedendo anche in Penisola Sorrentina, ed in particolar modo a Meta, Sorrento e Massa Lubrense. A Massa è il più eclatante in quanto chi fa il sindaco da quasi nove anni  e che ha fatto sfacciatamente e pubblicamente votare i candidati del PDL adesso si iscrive on line al PD perché folgorato qualche giorno fa da un discorso di Renzi (sic!). E non da solo ovviamente, ma assieme ad altri due componenti dell’amministrazione, ad un familiare ex Margherita che negli ultimi anni si è tenuto ben lontano ed un componente della STU già consigliere comunale vicino al centrodestra. Tutti folgorati … . Tra poco ne arriveranno altri sicuramente…

Intanto già ad agosto scorso aveva preso contatti con il senatore Cuomo proprio qui a Massa e ci sono le foto con il sindaco ed un altro dei folgorati. Lei sa quanto me che tutto questo non fa affatto bene sia ai tesserati veri e storici che quanto si sentono usati e scavalcati da queste persone che cercano solo collocazioni politiche che per l’immagine di pulizia e coerenza di un partito che è diverso proprio dal PDL. Questo sindaco è apparso in TV con Berlusconi, ci è andato a cena presente anche Cosentino e si è anche pubblicamente vantato. Ha fatto votare sempre il PDL ed ha fatto intervenire il senatore Sarro (PDL) per “proteggere” una marea di abusi edilizi commessi da vari cittadini con la complicità di vari amministratori (in gran parte geometri, architetti etc). E’ stato anche in ballo per essere candidato alle regionali, candidatura saltata perchè c’era un altra PDllina in amministrazione, figlia di un ex sindaco, che voleva la stessa candidatura.
Nella riunione dell’altro giorno all’atto del tesseramento ho apertamente contestato queste persone e questi metodi, ma la faccia di bronzo è tanta ed al limite poi ti ridono anche dietro.
Spero pertanto che la Sua iniziativa vada avanti e che la direzione nazionale intervenga in maniera drastica, quantomeno precisando che queste persone non saranno candidabili e candidate prima di 5 anni in maniera da valutare la buona fede e la fedeltà al partito e lo spirito di servizio verso i cittadini e non dei comitati di affari che nell’immediato possono portare anche qualche voto in più (forse), ma che alla lunga li fanno diminuire per disaffezione anche da parte di chi nell’ideale crede.
Con questo La saluto e le faccio i migliori auguri.