L’Opinione/Questa politica non piace

di Gaetano Mastellone

Gaetano Mastellone

Ognuno di noi ha il suo “concetto della politica”, ognuno di noi crede in un ideale politico, ognuno di noi s’innammora di un personaggio politico. Spesso poi accade che frequentando dall’interno gli ambienti della politica, e quindi i vari “personaggi” del teatrino della politica (nazionale, regionale e locale), si entra nel baratro della delusione. Delusione dovuta al “modo” di fare politica ed al “modo” di intendere la politica. Tante chiacchiere, arrivismo, sete di potere, parlar male degli altri e pochi fatti! La politica dello scherno, delle offese, degli attacchi facili, dei posti politici (sì li chiamo posti perché costoro li intendono, invece di intenderli come missione politica per i cittadini) dati ad amici o a benefattori: questo è il modo di fare politica oggi, o almeno il metodo utilizzato da molti uomini politici. In politica vi è poi la strategia dell’apparenza, del “farsi vedere” a tutti i costi che rappresenta l’illusione dei falliti o delle persone poco realizzate nella vita che ritengono così di apparire o essere importanti! Politica invece vuol dire realizzare. Continua a leggere

Sant’Agnello, Lucia Gargiulo chiarisce perchè ha chiesto al Comune l’accesso agli atti

Agorà ha riacceso i riflettori, per la verità mai spenti, sul caso-Salvati e sulla sua presunta incompatibilità a continuare a ricoprire la carica di consigliere comunale con un intervento che ribadisce la posizione dell’ex presidente del consiglio comunale di Sant’Agnello, ma con la notizia dell’iniziativa assunta da Lucia Gargiulo, consulente del lavoro e prima dei non eletti della lista “Impegno Nascente” alle elezioni dell’aprile 2008.

Lucia Gargiulo

La signora Gargiulo, secondo quanto anticipato da Agorà, avrebbe infatti richiesto l’accesso agli atti amministrativi, cioè copia della documentazione prodotta dalle parti in causa sull’intera vicenda politico-amministrativa santanellese. Poichè si tratta sicuramente di una novità, per certi versi inattesa, ma che incuriosisce soprattutto gli addetti ai lavori, abbiamo chiesto alla signora Gargiulo di volerci fornire qualche elemento in più sulla sua iniziativa ed ella gentilmente ci ha risposto. “Voglio precisare che da diverse settimane ho letto sulla stampa di me, del mio interesse a voler entrare in consiglio comunale, dei contatti con amministratori di maggioranza e di minoranza… Continua a leggere

In tanti alla cerimonia in onore di Antonino Pane al Comune di Sorrento

L’intervento del Sen. Raffaele Lauro alla cerimonia in onore di Pane

SORRENTO – C’erano proprio tutti i colleghi de Il Mattino e quelli di altre testate giornalistiche a salutare Antonino Pane nella cerimonia organizzata dal Comune di Sorrento, dal Sen. Raffaele Lauro e dal braccio destro dell’ex redattaore capo del più importante quotidiano del Sud, Antonino Siniscalchi. Un momento per ricordare le tappe piùsignificative di una carriera giornalistica nata quasi per caso quando Pane era giovane studente universitario di giurisprudenza e firmò sulla prima pagina del quotidiano un servizio dedicato al cattivo funzionamento del depuratore di Sorrento all’epoca di Achille Lauro sindaco che, offeso dal servizio di Pane, propose al consiglio comunale, che respinse, di togliergli la cittadiananza perchè aveva leso all’immagine della città. Continua a leggere

Caro spiagge in Costiera. Agorà denuncia i costi bassissimi delle concessioni pagate dagli stabilimenti

Pagano quattro soldi per le concessioni demaniali e “fanno soldi a palate…”. Sono gli stabilimenti balneari della Penisola Sorrentina messi a nudo dall’inchiesta che apre il nuovo numero del settimanale Agorà della Penisola Sorrentina da oggi in edicola. A Sorrento il sindaco Giuseppe Cuomo prepara il rimpasto dell’esecutivo che avrà luogo a settembre. Solo Stinga non rischia il posto, per tutti gli altri assessori si ipotizza il turnover. Quasi certa l’uscita di scena di Gaetano Milano dall’assessorato al turismo, ma potrebbe entrare in consiglio se uno dei tre amministratori fosse disposto a dimettersi per assumere l’incarico in giunta. Continua a leggere

Piano di Sorrento, per Ruggiero iniziano i problemi: bilancio a rischio bocciatura

PIANO DI SORRENTO – La maratona del consiglio comunale convocato per l’approvazione del bilancio 2011 ha riservato una brutta sorpresa al sindaco Giovanni Ruggiero e alla sua maggioranza: il piano triennale delle opere pubbliche, parte integrante e sostanziale del bilancio di previsione, non può essere approvato perchè l’iter amministrativo è stato irrimediabilmente viziato e chiunque può impugnare il piano invalidando così anche il bilancio.

Anna Iaccarino

Una tegola sulla testa di Ruggiero che prende atto di avere di fronte un’opposizione che sa il fatto suo sul piano amministrativo e che è in grado di mandare a tappeto la corazzata promossa dagli elettori ma che già presenta crepe vistose. La spina nel fianco di Ruggiero&Co è la consigliera Anna Iaccarino, avvocato, che sta portando alla luce una serie di irregolarità e di errori che hanno mandato in tilt la maggioranza e provocato una “crisi di nervi” nei funzionari comunali coinvolti nel dibattito politico-amministrativo. Continua a leggere

Abolire gli ordini professionali: scontro tra gli architetti e il Sen. Lauro

ROMA – La proposta del Sen. Raffaele Lauro (PdL) di abolire gli ordini professionali ha provocato la piccata reazione del Consiglio Nazionale degli Architetti contraria all’iniziativa parlamentare annunciata da Lauro che già per il passato ha evidenziato che sono maturi i tempi per questa riforma liberalizzatrice. “Non mi stupisce la reazione scomposta (e vagamente intimidatoria!), che respingo, da parlamentare, con assoluta fermezza al mittente, del Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori, in relazione al mio disegno di legge costituzionale, di iniziativa personale, per l’abolizione degli ordini professionali, né mi sorprendono le fragili argomentazioni addotte a tutela di interessi corporativi consolidati, che non smentiscono le valutazioni economiche della Banca d’Italia. Ciò  significa che ho colpito nel segno. Ora mi aspetto le reazioni, altrettanto virulente, delle altre corporazioni. Il nostro Paese ha bisogno di liberarsi da tutte queste rendite monopolistiche, che lo soffocano“.