Elezioni amministrative e quorum… Solo nei Comuni dove si presenta una sola lista

Stampa

quorum2Continuiamo a leggere di possibili annullamento delle elezioni amministrative in caso non si raggiungesse il quorum e questo sembra essere diventato il  nuovo sport in cui si cimentano commentatori improvvisati e soprattutto candidati eccellenti esclusi o estromessi dalla competizione elettorale che, appellandosi al quorum, cercano così di dissuadere gli elettori dal recarsi alle urne. Che cosa prevede la legge per le elezioni amministrative?

Nei Comuni al di sotto dei 15mila abitanti qualora si presentasse alle elezioni una lista soltanto, la validità della consultazione è subordinata al raggiungimento di un quorum del 50% degli elettori. Ma questo, appunto, solo nel caso di una sola lista concorrente, come per esempio si è verificato ad Agerola dove non è stata ammessa alle elezioni, per errori formali, la lista avversaria di quella del sindaco uscente Luca Mascolo. Qui ci si dovrà preoccupare di conseguire il 50% dei voti perchè gli elettori, non avendo opportunità di scegliere, possono essere indotti a disertare le urne non tanto per protesta, quanto per indifferenza rispetto a un confronto inesistente. Ai fini della composizione del consiglio comunale, questo sarà costituito da tutti i candidati della lista. Infatti la legge prevede che le liste abbiano un numero minimo e uno massimo di candidati che quindi coincide con il numero complessivo dei i seggi da attribuirsi. Quindi a Piano di Sorrento come a Vico Equense non c’è alcun problema di quorum!