Meta, Trapani non sostiene la Viggiano e incontra Graziano Maresca

Stampa
Paolo Trapani

Paolo Trapani

META – Quella che inizia con la festività di pasquetta per la politica metese è la settimana decisiva per la presentazione delle liste e allo stato tutti i discorsi sono ancora aperti.

Antonella Viggiano

Antonella Viggiano

Già dalle prime ore del pomeriggio domenicale sono ripresi frenetici i contatti tra i diversi protagonisti di una partita che si va facendo sempre più complicata! La principale novità proviene dal quartier generale del sindaco uscente, Paolo Trapani, dove fonti ben informate riferiscono di situazioni tutt’altro che rassicuranti per Antonella Viggiano. Il presunto accordo con tanto di passaggio di testimone dal sindaco alla Viggiano infatti non sembra aver fondamento, tant’è che Trapani continua a trattare a 360 gradi per tentare di chiudere il cerchio e ricandidarsi. 

Graziano Maresca

Graziano Maresca

L’ultimo contatto sarebbe avvenuto addirittura con Graziano Maresca, mettendo da parte antichi dissapori e rivalutando la possibilirà di un’intesa per rimettere ordine in una partita dove il Partito Democratico sembra essere il maggiore responsabile del caos che si è venuto a creare. La candidatura della Viggiano, storica esponente dell’UDC, con alcuni rappresentanti del PD entrerebbe anche in conflitto con Giuseppe Tito, altro storico leader del PD metese, col risultato di portare alle luce le faide interne al partito. Tant’è che nelle prossime ore si attende l’arrivo del responsabile enti locali provinciale del PD per cercare di ricomporre le fratture.  Quel che è certo è il fatto che Trapani non avrebbe mai dato il proprio consenso alla candidatura della Viggiano col suo ritiro dalla scena e quindi la partita può considerarsi tutt’altro che chiusa visto che il Sindaco sembra più che deciso a vender cara la pelle!