Sorrento, la replica di Giuseppe Stinga alle critiche di Fiorentino

Stampa

Giuseppe Stinga

SORRENTO – Sulla programmazione di manutenzione ordinaria e straordinaria cittadina annunciata dal vice sindaco Giuseppe Stinga e divenuta oggetto di una serrata polemica politica, abbiamo ritenuto giusto interpellare l’Assessore che si è ritrovato, anche su questo blog,  al centro di un’accesa polemica determinata dall’intervento “urbi et orbi” del consigliere di opposizione Rosario Fiorentino. Spiega Stinga: “Mi stupisce tanto clamore rispetto all’annunciata volontà di mettere in campo, con i mezzi che l’Amministrazione ha a disposizione, una serie di interventi finalizzati a risolvere piccoli e grandi problemi della quotidianità che ci vengono segnalati o che rileviamo direttamente e che sono origine di disagi per il cittadino. Fiorentino, amministratore di vecchia data e che ha vissuto e vive diverse esperienze di governo e di opposizione, dovrebbe conoscere meglio degli altri i contesti amministrativi che spesso ritardano o complicano l’attività di un’Amministrazione comunale. Tenendo inoltre presente che c’è stato anche il cambio del dirigente del settore, circostanza che ha finito col determinare qualche inevitabile e comprensibile ritardo nell’attuazione di alcune iniziative che abbiamo tutte ben presenti e che pianifichiamo facendo i conti con le risorse finanziarie di cui disponiamo. Anzi, considerando la situazione generale in cui versano gli enti locali e quella particolare del Comune di Sorrento dove i proventi derivanti specificamente dal settore e che vengono reinvestiti nelle attività cosiddette di restyling cittadino non hanno un flusso continuo, quello che facciamo e che abbiamo in programma di fare risponde semplicemente a quella logica di servizio cui da sempre ispiriamo il nostro lavoro amministrativo, senza rispondere a chicchessia e senza strumentalizzazioni interessate e contingenti!“.