Marevivo, a Sant’Agnello il convegno sullo stato di salute del mare

Stampa

Gianmichele Orlando

SANT’AGNELLO – Si svolgerà a Sant’Agnello, mercoledì 23 febbraio alle ore 9.30 presso l’Hotel La Pace, la convention di Marevivo su ltema: “Lo stato ecologico delle acque costiere del golfo di Napoli”. Il programma della giornata prevede una serie di importanti e qualificati interventi che saranno moderati da Massimo Milone capo redattore RAI Napoli. Nunzia Gentile, segretaria generale delle delegazione provinciale di Marevivo di Napoli;

Giuseppe Gargiulo

Rosalba Giugni, presidente nazionale di Marevivo; Vincenzo Saggiomo dirigente oceonografia biologica SZN “A. Dohrn” di Napoli; Giancarlo Spezie già direttore Dip. Disamu Università Parthenope; Cristina Buia, dirigente laboratorio ecologia benthos S.Z.N. “Dohorn”; Riccaro Scarselli, presidente onorario del sindacato italiano balneari; Bruno Orrico, responsabile impianti di depurazione ec Cassa del Mezzogiorno; Lucio De Maio, resp. Unità Operativa Tutela Ambiente Marino Arpa Campania; Rodolfo Napoli, ingegneria Ambientale DISAM Università Parthenope. I lavori saranno introdotti dal Sindaco di Sant’Agnello, Gianmichele Orlando, e dall’Assessore all’Ambiente Giuseppe Gargiulo. Invitati tutti i Sindaci dei Comuni costieri del golfo di Napoli. “Il convegno rappresenta un’importante occasione per analizzare lo stato di salute del mare del golfo di Napoli – evidenzia il primo cittadino di Sant’Agnello – e lo facciamo col concorso dei massimi esperti del settore e di osservatori attenti di tutti i gravi problemi che attentano alla salute del mare. Il problema è che il livello di attenzione deve essere mantenuto sempre alto, non solo quando accadano fatti molto gravi che richiamano l’attenzione dell’opinione pubblica. E’ anche questo il senso della nostra iniziativa e ringrazio l’associazione Marevivo che ha scelto Sant’Agnello per tenere questo convegno“. Sulla stessa frequenza l’Assessore all’Ambiente Giuseppe Gargiulo che evidenzia “l’importanza di fare informazione su questi temi che hanno una rilevantissima ricaduta non solo sul piano culturale e sociale, ma soprattutto economico in realtà come la nostra. Inoltre come assessore anche all’istruzione su questo tema intendo sempre di più sensibilizzare le scuole e i ragazzi che rappresentano il terreno fertile su cui seminare per sviluppare una vera coscienza di tutela del territorio, dell’ambiente, del mare“.