A proposito di migranti, di accoglienza e inclusione sociale…

A Castellammare, praticamente alle porte della Penisola Sorrentina, la presenza di extracomunitari (migranti o no) è già consistente e li si incontra in ogni angolo della Città, a qualunque ora della giornata, per lo più intenti a chiedere l’elemosina. La maggioranza di essi sono giovani superdotati fisicamente, che farebbero la gioia di qualunque imprenditore bisognoso di braccia forti e di vitalità per mandare avanti la propria azienda. Braccia che invece si stendono per elemosinare qualche spicciolo, sguardi che pongono domande alle quali non sappiamo o non vogliamo rispondere. Oggi il quotidiano Metropolis titolava in prima pagina: “Migranti, affari d’oro“, a Castellammare se ne attendono almeno 300. Altri  250 e giù di lì devono arrivare nella Penisola Sorrentina senza che neanche si sa dove accogliergli per l’indisponibilità di strutture pubbliche e private. Continua a leggere