Piano di Sorrento, il sindaco Iaccarino scrive al Presidente De Luca: “riapriamo la San Michele”

Stampa

De Luca IaccarinoPIANO DI SORRENTO – E’ di ieri la notizia che il Sindaco Vincenzo Iaccarino, d’intesa col dott. Franco Cirillo proprietario dell’ex Clinica San Michele, ha proposto alla Regione Campania e alla Protezione Civile di allestire un centro di accoglienza socio-sanitaria nella struttura ubicata in via Carlo Amalfi in modo da poter adeguatamente ospitare ammalati e sanitari, ma anche persone in quarantena obbligatoria a causa del covid-19. Stamattina il primo cittadino carottese ha pubblicato la nota ufficiale che ha trasmesso al Presidente Vincenzo De Luca in cui, tra l’altro, si evidenzia la circostanza che anche il direttore generale dell’Asl Na 3 Sud, Gennaro Sosto, si è dichiarato favorevole a questa ipotesi.

Insomma manca il beneplacito del Presidente De Luca per attrezzare la struttura e metterla al servizio del territorio in questa emergenza che sta mettendo spalle a muro il sistema sanitario territoriale. Ecco cosa scrive il sindaco Iaccarino a De Luca: ” Egregio Presidente De Luca, faccio seguito ai colloqui intercorsi relativamente alla gestione della crisi Covid-19 nell’ambito della città di Piano di Sorrento e della Penisola Sorrentina per trasmetterle la nota con cui la proprietà dell’ex Clinica San Michele, ubicata a Piano di Sorrento in Via C. Amalfi, ha dato riscontro alla mia richiesta di rendere disponibile la struttura al fine di poterla utilizzare per finalità socio-sanitarie legate alla grave emergenza in corso.
Considerata la natura della struttura, si tratta di un’occasione più unica che rara per potenziare significativamente e in breve tempo la disponibilità di posti letto in loco al fine di assicurare l’assistenza dovuta a contagiati conclamati e/o a persone comunque obbligate a sottostare a un regime di quarantena a propria e ad altrui tutela.

La struttura è inattiva da circa 8 anni, ha una superficie utile di 2100 mq e dispone di 40 stanze (rispetto alle originali 60, ridotte per adeguarle al rispetto delle norme di legge). A piano terra sono ubicati locali ad uso ufficio amministrativo, piccola cucina, laboratorio di analisi, diagnostica Tac e Radiologia. Dispone di un blocco composto da 2 sale operatorie. Di recente si è provveduto ad asfaltare il lastrico solare per scongiurare possibili infiltrazioni d’acqua. C’è un’area esterna anteriore che può ospitare auto e una posteriore in grado di accogliere anche 6/7 ambulanze.

Egregio Presidente,
mi faccio interprete di un’aspettativa generale della mia cittadinanza e del resto della Penisola Sorrentina affinchè la Regione e la Protezione Civile accolgano la disponibilità formalmente dichiarata anche ai vertici dell’Asl Na3 Sud dal dott. Franco Cirillo in rappresentanza della proprietà dell’immobile e attivino con urgenza le procedure per effettuare gli interventi necessari a rendere disponibile in brevissimo tempo la struttura.
A riguardo il direttore generale Gennaro Sosto si è già espresso favorevolmente a questa ipotesi per cui si registra una convergenza di intenti assolutamente importante e strategica. Ho espresso sentimenti di riconoscenza alla proprietà per aver risposto all’appello con sollecitudine per cui ora come istituzioni siamo chiamati a fare la nostra parte dando una risposta molto importante, decisiva, all’area della Costiera che si trova alle prese con l’espandersi dell’emergenza covid-19. Resto perciò a disposizione Sua e dell’Unità di Crisi Regionale e la ringrazio per quanto potrà fare per tutti noi”.