Eav tra polemiche e chiarimenti De Gregorio evidenzia i risultati della gestione

Stampa
EAV U. De Gregorio

EAV Umberto De Gregorio

NAPOLI – Continua a infuriare sui media e sui social la polemica sull’EAV, ancor di più all’indomani della pubblicazione del rapporto di Legambiente sullo stato di salute delle ferrovie italiane e di una lettera interna del Presidente Umberto De Gregorio ai propri dirigenti. De Gregorio ha replicato inviando una lettera al quotidiano “La Repubblica” che l’ha pubblicata parzialmente suscitando il disappunto di De Gregorio che replica pubblicando sul suo profilo facebook la lettera integrale. Scrive De Gregorio: “Ecco la lettera inviata da me ieri a Repubblica e riportata oggi solo parzialmente in un lungo e farneticante articolo. “Gentile Direttore, voglio rassicurare Alessio Gemma sullo stato di salute finanziario di Eav. Grazie agli straordinari risultati ottenuti negli ultimi tre anni (utili conseguiti pari ad oltre 90 milioni di euro) la Banca Europea degli Investimenti Concede proprio oggi un mutuo ad Eav di 68 milioni di euro, dopo una scrupolosa due dilingence durata oltre tre mesi.

Si tratta di un risultato straordinario: è la prima volta che la BEI finanzia un investimento di una società di trasporto nel centro sud. 68 milioni che si aggiungono alle risorse regionali disponibili, per acquistare più treni sulla circumvesuviana.
Noi stiamo facendo un lavoro serio e programmato. Più investimenti, più treni, più occupazione. I risultati sul servizio possono solo essere effetto di tutto questo. Oggi Eav è prima in classifica nel Mezzogiorno e tra le primissime in Italia per investimenti, gare, bilancio e nuova occupazione. Peccato che Legambiente non lo abbia tenuto presente nel suo rapporto. Se Repubblica è interessata forniremo tutti i dettagli .
Resta un mistero di come una mia lettera privata ai dirigenti – una ramanzina , si cerca sempre di spronare a far meglio, normale no? – finisca nelle mani di Gemma. Ma questo è tutto sommato poco interessante”. Questa la mia lettera. Ovviamente, puntuale, Cesaro (consigliere regionale di Forza Italia, NdR) chiede le mie dimissioni (sono quattro anni che le chiede, la prima volta dopo solo 10 giorni dalla mia nomina!) ed i 5 stelle attaccano la solita musica. Ma questa è solo campagna elettorale e non mi interessa. Io lavoro. A proposito , anche il bilancio 2019 chiuderà in utile. Per il quarto esercizio consecutivo. Qualcuno sa citarmi un altro caso del genere nel Mezzogiorno?”.