Sorrento, il Presidente Luigi Di Prisco: “Subito controlli per bloccare gli inquinatori del mare”

Stampa

di-prisco2SORRENTO – La notizia è clamorosa e non poteva lasciare indifferente chi è stato il principale protagonista della bonifica dei fondali marini sorrentini fino a conseguire l’inatteso riconoscimento della FEE, la Bandiera Blu, assegnato per due anni consecutivi alla Città del Tasso. Lui è Luigi Di Prisco, presidente del consiglio comunale, che ha rilasciato la seguente dichiarazione in riferimento alla denuncia dell’Associazione Marevivo sulla presenta di eternit nei fondali del mare di Marina Grande. “Poco fa ho appreso dai social il video e il comunicato di Marevivo Penisola Sorrentina con il quale nel dettaglio veniva spiegato il grave reato ambientale perpetrato a Marina Grande con lo svernamento di numerosi materiali in eternit – dichiara Di PriscoCon questo vile atto contro il nostro mare oggi mi sento distrutto perchè in questo modo sono stati vanificati 4 anni di duro lavoro che ho portato avanti con grande dedizione e senza risparmio alcuno sacrificando impegni familiari e lavorativi.

di-prisco3Negli anni abbiamo rimosso oltre 30 tonnellate di rifiuti a Marina Grande ora vedere queste foto mi si è aperta una ferita al cuore. Lo scopo per cui durante il mio periodo di gestione rivolto all’ambiente abbiamo promosso con Marevivo e tante altre organizzazioni numerose pulizie dei fondali con il partenariato dei corpi militari è stato proprio per tenera alta la guardia; come si è allentata l’attenzione ecco i risultati. Ora a mio avviso quello che occorre con urgenza è effettuare controlli periodici e continui oltre all’installazione di telecamere sul molo da pesca in modo da dissuadere altri delinquenti a svolgere azioni simili“. A questo punto urge un’iniziativa sollecita del Comune di concerto con le Autorità di Polizia per arginare il fenomeno e scongiurare che i fondali di Marina Grande, ma non solo, tornino a trasformarsi in discariche.