Meta, il sindaco Tito replica a Cocurullo: “Dove sta scritto che non posso convocare i capigruppo!”

Stampa
Giuseppe Tito

Giuseppe Tito

META – “Non immaginavo che il capogruppo di opposizione Tony Cocurullo avesse la dote della preveggenza…il 5 agosto ha previsto che avrei indetto una riunione a settembre…basta guardare la nota che ha inviato e che avete pubblicato“. Così Giuseppe Tito replica alle accuse rivoltegli dal consigliere Cocurullo che ha contestato la legittimità della convocazione dei capigruppo consiliari da parte del primo cittadino. Tito non si ferma qui e aggiunge: “Non capisco su che cosa si fonda questa accusa: forse che il sindaco non ha la facoltà di incontrare, e quindi di convocare, i capigruppo consiliari per discutere dell’attivitò dell’Amministrazione? Mica mi sono sostituito al Presidente! Ho semplicemente indetto una riunione invitando i tre capigruppo e l’assessore Pasquale Cacace per un confronto preliminare su temi da discutere in consiglio comunale. Mi sembra perciò assolutamente strumentale, e quindi senza alcun fondamento, la contestazione di Cocurullo. Piuttosto mettiamoci al lavoro per Meta e siamo costruttivi“.