Politica&Polemiche, Toninelli replica a De Luca sui “rallentamenti” dei treni Circum

Stampa
Enzo De Luca

Enzo De Luca

Danilo Toninelli

Danilo Toninelli

Il rischio che dal primo luglio le ferrovie che non si sono dotate di un piano di controllo e sicurezza della velocità secondo gli standard di legge ha generato una dura polemica tra il governatore Vincenzo De Luca e il Ministro dei Trasporti Danilo Toninelli nella quale si sono inseriti anche alcuni Sindaci preoccupati del fatto che l’aumento dei tempi di percorrenza dei convogli (a 50 km/h) provocherà una riduzione delle corse con pesanti ripercussioni sulla mobilità anche urbana. Il problema sorge per il fatto che nel 2017 è stato stabilito il passaggio delle ferrovie dal controllo del Ministero a quello di un’Agenzia indipendente, l’Ansf, preposta appunto alla vigilanza sulla sicurezza.

fake-newsA suonare il campanello d’allarme è stato Umberto De Gregorio, presidente di EAV, innescando una reazione a catena che ha generato interminabili polemiche anche perchè sono sate rivolte a Toninelli richieste di rinviare la scadenza del 30 giugno. De Luca ci è andato giù duro nei confronti del ministro pentastellato il quale alla fine ha recplicato spiegando come stanno effettivamente le cose. Scrive Toninelli: “Non è stato imposto alcun rallentamento ai treni che percorrono la Circumvesuviana. Forse Vincenzo De Luca fa confusione, come spesso gli capita, e ha sbagliato interlocutore. Vorrei ricordare, infatti, che la Circumvesuviana è una ferrovia in gestione EAV, e quindi Regione Campania, che ne deve garantire adeguati standard di sicurezza. Presumibilmente De Luca già sa che la Circumvesuviana non è attrezzata con i sistemi di controllo marcia treno e dunque teme che quando a luglio, come tutte le ferrovie isolate, anche questa tratta, secondo una norma stabilita dal Governo precedente, passerà sotto la vigilanza dell’Ansf (Agenzia nazionale per la sicurezza ferroviaria), sarà soggetta a limitazioni di velocità. Ricordo però, in primis, che l’Ansf (che diventerà Ansfisa) è un soggetto autonomo e non dipendente dal Mit.

E che quando, dopo il tragico incidente sulla Andria-Corato, impose, sulle tratte non attrezzate con i sistemi di sicurezza europei, limiti di velocità ridotti, lo fece per tutelare i passeggeri per il tempo necessario ad adeguare le linee e metterle in sicurezza. De Luca farebbe quindi bene ad adoperarsi da subito per alzare gli standard della Circumvesuviana e tutelare i passeggeri campani, senza causare disagi e rallentamenti. E dovrebbe anche mettere in sicurezza le altre due tratte gestite dall’Eav e sotto la vigilanza dell’Ansf: la Santa Maria Capua Vetere-Piedimonte Matese e la Benevento-Cancello, su cui, a quasi tre anni di distanza e con stanziamenti economici già erogati, risulta, dai dati dalla stessa Agenzia, che lo stato di completamento del Sistema di controllo marcia del treno, quello più avanzato, sia pari allo 0%”.