Sciopero Generale Sita in Costiera Amalfitana: “…Ora bloccheremo noi il traffico!”

Stampa

costiera-amalfitana“I nostri allarmi sono rimasti inascoltati. Ora bloccheremo noi il traffico…Il nostro vero trasporto pubblico, la SITA, a partire da lunedì 29 aprile, avvierà la procedura per uno sciopero generale in Costiera Amalfitana. Quando lo sciopero partirà, sarà anche un banco di prova per verificare se i falsi trasporti pubblici, leggi City Sightseeing e Tramvia del Vesuvio, ce la faranno a sopperire alla mancanza delle corse SITA….la nostra previsione è che questi due ultimi falsi trasporti pubblici, falsi perché non effettuano un numero di fermate necessarie, nel nostro territorio, per qualificarsi come trasposto pubblico (ne fanno appena 2/3) non riusciranno a prendere a bordo neanche una persona in più rispetto a quelle, poche, abituali. Se ci fate caso vedete che viaggiano quasi sempre semivuoti. Lunedì 29 aprile, il Dott. Diego Corace, responsabile della segreteria regionale trasporti della UIL avvierà la procedura e forse comunicherà le date dello sciopero. E’ importante sottolineare che questo sciopero è fatto a favore degli utenti e contro coloro che dovrebbero emanare direttive per la regolamentazione del traffico. Per cui si invitano tuti gli abitanti della Costiera Amalfitana a sostenere questo sciopero, a far sentire la propria voce, a raccontare i propri disagi e a far fronte comune per le iniziative che dovessero nascere, durante e/o dopo questo sciopero generale. Ricordiamoci che si può sempre firmare La PETIZIONE per la regolamentazione del traffico sulla SS 163. Questa petizione è uno strumento valido per difendere la nostra strada da coloro che la sfruttano soltanto senza darci nulla in cambio se non insicurezza, inquinamento, traffico e arrabbiature.

https://www.change.org/p/al-prefetto-di-salerno-stop-all-in…

Abbiamo una sola strada di accesso e di esodo e quando si blocca (cosa che accade sempre) si provoca un INFARTO al nostro già fragile territorio, urge una regolamentazione non si può far finta che nulla accada”. (comunicato stampa)