Crisi della mobilità in Penisola Sorrentina, l’Abbac scrive ai Sindaci: serve unn metodo per confrontarci

Stampa
Sergio Fedele

Sergio Fedele

Sull’emergenza mobilità nella Penisola Sorrentina crescono le preoccupazioni degli operatori turistici e in particolare il settore extralberghiero invoca l’adozione di iniziative unitarie per affrontare la complessa problematica. Il responsabile dell’Abbac della Penisola, Sergio Fedele, da tempo impegnato a qualificare sempre di più l’azione degli operatori e le sinergie con le istituzioni locali, ha inviato una nota ai Sindaci dei Comuni col quale chiede sostegno alla richiesta indirizzata alla Regione Campania per avviare un tavolo permanente per il trasporto. “In rappresentanza del settore extralberghiero della Penisola Sorrentina, Le rivolgiamo un appello. Oramai la situazione del trasporto “da e per” la Penisola Sorrentina ha raggiunto una situazione drammatica. Raggiungere i nostri Comuni é impresa ardua per residenti e turisti. La crisi del “nostro” trasporto è strutturale e riguarda il trasporto ferroviario, stradale, marittimo.

La recente lettera del Presidente Eav al Presidente della Regione De Luca relativa alla previsione di ulteriori difficoltà che sorgeranno a causa del problema dello straordinario dei dipendenti, non ci consente ulteriormente di rimanere passivi difronte a un vero disastro che già penalizza in modo insostenibile residenti e crea grave malcontento ai turisti con un effetto estremamente negativo in termini di recensioni, immagine e accoglienza.
Da mesi chiediamo che la Regione avvii il TAVOLO PERMANENTE PER IL TRASPORTO DELLA PENISOLA SORRENTINA con la partecipazione dei Sindaci della Penisola, delle principali associazioni che rappresentano il turismo, delle principali associazioni civiche. Non siamo fautori dei “tavoli” come risposta ai problemi, ma in questo caso occorre un metodo di confronto che, con periodicità, affronti il problema nella sua interezza e produca iniziative di breve, medio e lungo periodo. Un tavolo che raccolga, analizzi e renda operative una serie di proposte.
Un tavolo che, attraverso l’elaborazione di iniziative prioritarie per il territorio, abbia la capacità di individuare anche le necessarie fonti di finanziamento per le iniziative da avviare, a cominciare dalla possibilità di usufruire di specifichi fondi europei. La Penisola Sorrentina è una delle località turistiche più famose nel mondo e non può non affrontare questo problema che a breve mettere in difficoltà tutto il sistema ricettivo con ripercussioni gravissime sull’economia regionale e territoriale, alle prese con crisi strutturali degli altri settori produttivi e commerciali. Per questo Le chiediamo di coordinarsi con gli altri Sindaci della Penisola Sorrentina e i rappresentanti di Federalberghi e di Abbac per riunirsi e preparare, tutti insieme, la richiesta immediata del Confronto permanente sul Trasporto da trasmettere alla Regione Campania“.