Housing Sociale Sorrento, l’On. La Mura (5 Stelle) interroga i Ministri sulla Soprintendenza

Stampa
Virginia La Mura

Virginia La Mura

SORRENTO – L’housing sociale nell’ara ex Apreamare torna alla ribalta delle cronache politiche nazionali per iniziativa della parlamentare 5 Stelle Virginia La Mura che ha presentato un’interrogazione ai Ministeri per i Beni e le Attività Culturali e a quello delle Infrastrutture e Trasporti.  Nell’atto ispettivo l’On. La Mura scrive: “…il Comune di Sorrento (Napoli) il 15 ottobre 2018 ha rilasciato permesso a costruire per realizzare un intervento di housing sociale di ben 53 appartamenti, oltre 200 box interrati, in sostituzione di un capannone già della società Aprea Mare. L’intervento è stato previsto in un’area densamente urbanizzata e abitata;
soprintendenza-logorisulta all’interrogante che sotto l’accattivante dizione housing sociale, si celino attici lussuosi con piscine e giardini pensili, e il solo 30 per cento sarebbe effettivamente destinato all’edilizia sociale;
in proposito, l’Adunanza plenaria del Consiglio di Stato n. 7/14 ha definitivamente chiarito che l’housing sociale è tutt’altro rispetto all’edilizia economica e popolare, che resta l’unica possibilità prevista dal piano urbanistico territoriale (PUT) nell’ambito del Comune di Sorrento;
il fabbricato è stato progettato per un’altezza di circa metri 21 dal piano di campagna, ma l’art. 19 del Piano territoriale della costiera sorrentino amalfitana per la “sub area 1″, nella quale è inserito il Comune di Sorrento, dispone che i fabbricati non possano avere «altezza massima superiore a m. 14,00» e solo se compatibili con le situazioni ambientali. Di norma l’altezza massima consentita sarebbe pari a metri 7,40;

tuttavia il 3 agosto 2018, il Soprintendente ai beni architettonici e ambientali di Napoli si espresse favorevolmente ritenendo ammissibile la procedura semplificata, nonostante si trattasse di un progetto in variante di precedente permesso a costruire, già annullato in autotutela. Detta procedura semplificata, introdotta dall’art. 3 del decreto del Presidente della Repubblica 13 febbraio 2017, n. 31, mai si sarebbe potuta applicare, date le previste significative modifiche prospettiche e di sagoma;

Soprintendenza lettera

Soprintendenza lettera

l’associazione WWF “Terre del Tirreno” e alcuni privati segnalarono la circostanza inerente al permesso a costruire rilasciato con il suddetto intervento del 3 agosto 2018 al Ministro per i beni e le attività culturali, il quale chiedeva chiarimenti al soprintendente che, dopo oltre 50 giorni, con nota firmata anche dal responsabile del procedimento, prot. 0020419 del 20 dicembre 2018, rispondeva: «al fine di dare risposte al Ministero sulle problematiche avanzate dagli scriventi si chiedono idonei chiarimenti in ordine alla determinazione delle altezze del fabbricato in coerenza con quanto previsto dalle norme del vigente PUC tenuto conto che si tratta di un edificio che si articola su diversi piani di livello e non su un unico piano di campagna»;

a giudizio dell’interrogante:
la vicenda appare grottesca e di gravità inaudita, essendo evidente che avrebbe dovuto essere la Soprintendenza a indicare quali parametri avesse applicato per valutare il fabbricato conforme al PUT e non già chiedere al Ministero la soluzione tecnica. Per di più, dopo aver già espresso in data 3 agosto 2018 un parere favorevole che, alla luce della nota del 20 dicembre 2018, appare formulato senza adeguata istruttoria circa la compatibilità dell’edificio con il PUT;
la soprintendente avrebbe dovuto chiarire le ragioni per le quali ha inteso applicare una procedura semplificata, nonostante non ve ne fossero i presupposti, come segnalato dal WWF;
il 16 gennaio 2019 è intervenuta un’ordinanza del TAR Campania, VII sezione, che ha disposto l’acquisizione presso il Comune di Sorrento e la Soprintendenza di Napoli degli atti istruttori, che hanno preceduto la valutazione relativa alle altezze massime del fabbricato oltre al parere favorevole espresso,