Agli arresti domiciliari babbo Renzi con la moglie…bancarotta fraudolenta e fatture false

Stampa

tiziano-renzi-990L’arresto dei genitori di Matteo Renzi per bancarotta fraudolenta ed emissione di fatture false era sicuramente inatteso, ma stando all’ordinanza dei Magistrati si tratta di una misura necessaria per il rischio che reiterino il reato stando quanto emerso finora nell’inchiesta sulle società e coop di riferimento della famiglia Renzi. Le inchieste che riguardano il padre Tiziano e la madre Laura di Renzi vedono impegnate diverse Procure che contestano i medesimi presunti reati compiuti nel corso degli anni. Il provvedimento, giudicato abnorme, è contemplato nella legislazione vigente per questo tipo di reati che prevedono condanne oltre i 5 anni.

Insomma il Gip che ha firmato il provvedimento dopo un’approfondita e lunga disamina della situazione e delle carte in mano agli inquirenti, evidentemente ha ravvisato gli estremi per adottare questo provvedimento che, di fatto, consegna i congiugi Renzi a un domicilio obbligato nella propria abitazione senza la possibilità di contatti esterni. Una msiura assolutamente compatibile con l’età degli indagati e perciò comminata per scongiurare la reiterazione del reato. Il figlio Matteo l’ha buttata subito in politica, sulla falsariga berlusconiana (che immediatamente ha espresso solidarietà ai Renzi auspicando la riforma della giustizia con gli arresti domiciliari solo per reati di sangue…), dichiarando da un lato di aver fiducia nella Magistratura (ma questo è un luogo comune) dall’altro dicendosi certo che tutto ciò che sta accadendo ai suoi genitori dipende dal suo impegno politico e che quindi si sente obiettivo di questa iniziativa giudiziaria. Qualcuno ipotizza un possibile coinvolgimento nelle inchieste anche di Matteo Renzi?

Per il Senatore del PD ed ex premier e segretario del partito l’ipotesi di un’incriminazione è quasi inesistente, a meno che non dovessero emergere coinvolgimenti diretti e contestazioni degli inquirenti come è avvenuto nell’inchiesta Consip che coinvolge il papà Tiziano e lo chiama in causa insieme all’ex ministro Luca Lotti. La parabola discendente di Renzi è ormai in fase avanzata, nonostante l’ex premier continui a far parlare di sè cercando di giocare un partita nell’elezione del futuro segretario del PD e proponendosi in diverse vesti pur di mantenere alta l’attenzione sulla sua persona. Si attende l’opinione della Boschi