Piano di Sorrento dichiara guerra a chi imbratta le strade con gli escrementi canini

Stampa
Costantino Russo

Costantino Russo

PIANO DI SORRENTO – Fuor di dubbio è uno dei problemi più antichi e di più difficile soluzione quello dei cani che imbrattano le strade con gli escrementi e che i padroni non si premurano di rimuovere con senso civico ancor prima che ion ossequio a leggi e ordinanze sindacali. E’ compito dei Vigili Urbani far rispettare l’ordinanza e contravvenzionare i trasgressori i quali però nella stragrande maggioranza dei casi agiscono al di fuori degli orari di servizio della Polizia Municipale. Per cercare una soluzione alternativa che possa agire anche deterrente l’Assessore all’Ambiente Costantino Russo ha deciso di adottare un sistema già sperimentato in alcune realtà italiane: l’istituzione dell’anagrafe del Dna dei cani di persone che risiedono in Città ai fini dell’identificazione certa dell’animale che ha fatto i propri bisogni per strada e che non sono stati rimossi dal padrone. Attraverso l’anagrafe canina dei servizi veterinari è possibile avere una mappa aggiornata degli animali e avviare l’iter previsto. L’aumento consistente del numero di cani circolanti impone l’adozione di una misura utile a sensibilizzare i padroni degli animali a ripulire strada e marciapiedi dagli escrementi. L’iniziativa è a titolo gratuito, ma si prevedono multe per coloro che non fanno registrare i propri animali e per i trasgressori che diventaranno “osservati speciali”.