Modifche al PUT, esulta Longobardi per la legge che va in consiglio…Ombre su alcuni punti

Stampa
Alfonso Longobardi

Alfonso Longobardi

Esulta il consigliere regionale Alfonso Longobardi per la decisione assunta dalla Commissione Urbanistica di approvare il disegno di legge che semplifica le procedure in materia di gestione del territorio, in pratica attuando una sostanziale modifica del PUT che andrà sottoposto al voto dell’aula già nel consiglio regionale che si svolgerà il 10 luglio 2018.  Quali sono le principali modifiche che riguardano il Put dell’Area Sorrentino-Amalfitana?

Il mutamento di destinazione d’uso tra differenti categorie d’uso terziarie che è da considerarsi (qualora non urbanisticamente rilevante) sempre consentito;
Il restauro conservativo degli edifici ed il loro consolidamento statico;
La manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici;
La demolizione e ricostruzione, o ripristino, di edifici preesistenti con modifica di sagoma*
(*Gli interventi di demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria di edifici preesistenti, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica, nonché quelli volti al ripristino di edifici, o parti di essi, eventualmente crollati o demoliti, attraverso la loro ricostruzione, purché sia possibile accertarne la preesistente consistenza, qualora comportanti anche modifica di sagoma, sono consentiti solo nelle zone territoriali 4, 5,6. 7, Il, 12, 14 e 15 di cui all’articolo 17 ).

L’approvazione della legge, relativamente al 4° punto di cui sopra, sembrerebbe la soluzione ai problemi insorti sul rilascio (e successivo stop) dell’autorizzazione, da parte del Comune di Sorrento, all’operazione del piano casa sull’ex area apreamare. Secondo gli esperti, però, anche questa soluzione e il resto dell’impianto di modifica della legge regionale sono in contrasto con la legislazione vigente e pertanto destinati a produrre altro contenzioso senza prospettiva di risoluzione delle specifiche problematiche. Intervento su Corriere del Mezzogiorno