Centro Igiene Mentale Sorrento, iniziativa di Enza Amato e Rosario Fiorentino

Stampa

enza-amata-fiorentino-anzaloneSORRENTO – Non molla la presa sul Centro di Igiene Mentale Rosario Fiorentino che insieme alla consigliera regionale del PD Enza Amato ha incontrato, ieri mattina, il rappresentante della CGIL del Comune di Sorrento Giovanni Anzalone insieme a un gruppo di familiari dei ricoverati nella struttura di via del mare. “La decisione di chiudere la UOSM e la Sir per l’inadeguatezza del Centro e per i relativi fitti passivi desta molta preoccupazione soprattutto per i tre pazienti che vivono ormai da anni presso la struttura – ha dichiarato la AmatoHo appreso del trasferimento della Uosm presso il distretto di Sant’Agnello.

Ciò che evidentemente desta pià preoccupazione per medici e familiari e che crea stress ai pazienti è la possibilità che la Sir sia trasferita a Terzigno. Ho ascoltato con attenzione il racconto di medici, infermieri, familiari e verificata l’ansia che questo trasferimento sta provocando sui pazienti . E’ evidente che la decisione dell’Asl Napoli 3 Sud sia dettata da motivazioni di necessità, ma credo che il destino dei pazienti residenziali debba essere trattato a prescindere da tale esigenza e sono certa che l’Asl Na 3 Sud e le Amministrazioni locali riusciranno a trovare una soluzione che possa garantire ai pazienti di proseguire le proprie cure nel contesto sociale e urbano a loro più familiare. Intanto verificherò con la dirigenza la possibilità che fino a tale soluzione si possa garantire la permanenza della Sir presso la struttura di Sorrento“.