Politica&Polemiche, a Sorrento Ivan Gargiulo controreplica a Marco Fiorentino

Stampa
Sorrento

Sorrento

SORRENTO – Si intitola “Chiacchiere di contorno” il terzo capitolo della polemica tra Ivan Gargiulo, segretario PD, e Marco Fiorentino leader dell’Opposizione Consiliare. Ad accendere la miccia era stato qualche giorno fa Gargiulo con un post al peperino che chiamava in causa Fiorentino sul percorso meccanizzato e la nomina dell’Assessore Parlato. 24 ore dopo è giunta la replica di Marco Fiorentino che, senza troppi giri di parole, ha praticamente accusato il PD di voltarsi di lato su diverse questioni amministrative e di aver stretto un patto di desistenza con il sindaco Giuseppe Cuomo alle ultime elezioni. Eccoci al terzo tempo: “Rivolgere o sollecitare pensieri, o ancora generare pettegolezzi è un atteggiamento che può avere un senso politico, sempre che non incontri però il limite dell’incomprensibilità dell’obiettivo che i sollecitati pensieri e generati pettegolezzi si propongono….

Alzo le mani.  Io pensavo di aver espresso ad alta voce una riflessione sulle vicende politiche di casa nostra e in cambio, invece di una semplice smentita dell’interessato sul suo passaggio in maggioranza, ricevo in regalo un inebriante valzer di vacue parole. Grande Marco Fiorentino, cantore politico di imperscrutabile talento.
Battute a parte, ho letto per intero il suo comunicato e su una cosa sono d’accordo con lui: anche in politica alla fine contano i comportamenti!
Prima o poi, la relazione sul percorso meccanizzato, voluta innanzitutto dal PD che ha elaborato la relativa proposta, sarà esaminata e discussa in Consiglio Comunale e allora vedremo chi, rispetto al project financing, china la testa sotto il peso di interessi di parte e chi, invece, no.
Infine due cose a proposito del bipede pennuto a cui egli simpaticamente mi ha associato. Lo struzzo non mette la testa sotto la sabbia. In realtà, quando avverte il pericolo, si china con il collo disteso e con il corpo appoggiato a terra cercando di imitare un cespuglio o una grossa roccia. Non vola ma è estremamente veloce nella corsa e può sferrare calci anche letali grazie alla potenza delle sue zampe, per cui, se lo incontrate, andateci piano e fate attenzione.
In generale, comunque, meglio passare per struzzi che essere presi per fessi”.