Meta, sullo stupro la condanna della direzione dell’Hotel Alimuri

Stampa

hotel-alimuriMETA – Alla fine la Direzione dell’Hotel Alimuri ha dovuto intervenire sulla vicenda della violenza carnale consumatasi nel 2016 ad opera del personale della struttura e che ieri ha portato all’arresto di 5 dei responsabili che sarebbero addirittura 12. Una vicenda che in breve tempo ha fatto il giro del mondo anche per le modalità con cui si è consumato il delitto contro la cinquantenne turista straniera ospite dell’albergo.

Questo il comunicato dell’Alimuri: “La Direzione dell’ Hotel Alimuri ha oggi appreso dagli organi di stampa di una grave violenza che sarebbe stata perpetrata ai danni di una cittadina inglese da parte di alcuni ex dipendenti dell’albergo. Pare evidente, laddove le successive fasi processuali dovessero confermare tale ipotesi accusatoria, la piena vicinanza e profonda solidarietà nei confronti della vittima. A tal fine è ferma la determinazione della società, laddove la Procura decidesse di esercitare l’azione penale, di costituirsi parte civile nei confronti degli ex dipendenti al fine di accertare quanto accaduto e tutelare l’immagine e il buon nome di una struttura e di un’organizzazione aziendale che vanta oltre 500 dipendenti e circa trent’anni di lavoro sempre svolto con ampio apprezzamento da parte della clientela e successi sia in ambito nazionale che internazionale. Le scelte aziendali sono sempre state improntate al massimo rispetto per la clientela e in tale contesto, anche a tutela del prestigio dello staff in servizio, corre l’obbligo di precisare che la Direzione, sebbene la condotta lavorativa degli odierni indagati sia sempre stata immune da censure, già tempo addietro aveva deciso di non rinnovare i loro contratti di lavoro, fatta eccezione per un dipendente comunque mai addetto ai rapporti con il pubblico, e per il quale l’azienda ha subito attivato il provvedimento di licenziamento, una volta a conoscenza di un suo diretto coinvolgimento nella vicenda. Si rimarca in proposito come ALIMURI SRL, assolutamente estranea, abbia primario interesse affinché si faccia chiarezza su tale episodio. F. Martino Direzione Pubbliche Relazioni e Ufficio Stampa”.

E’ d’obbligo una precisazione e cioè che nel 2016, a seguito della denuncia della violenza da parte della donna, scattarono i sopralluoghi della Polizia presso l’Hotel Alimuri per accertare l’accaduto visto che il reato si era consumato nella struttura da parte di suoi dipendenti. Ovviamente la proprietà e la direzione sono estranei ai fatti, ma è impensabile che la notizia dello stupro l’abbiano appresa dalle cronache di questi giorni. Intanto si apprende dal quotidiano Metropolis che il sindaco di Meta Giuseppe Tito intende costituirsi parteci civile nei confronti degli accusati della violenza carnale.

Il Fatto Quotidiano