Meta, sull’autorimessa a Corso Italia comunicato stampa del prof. Lauro Gargiulo

Stampa
autorimessadi Lauro Gargiulo

“Premesso che in 27.09.2016 venne rilasciato “Permesso di costruire” per la realizzazione di un’autorimessa interrata per n. 14 box-auto con l’espressa condizione che si riporta: “i lavori devono essere iniziati entro 12 mesi dalla data di rilascio del presente permesso…”;
preso atto del mancato inizio dei lavori entro i termini stabiliti, in data 2 ottobre 2017 è stata richiesta al Comune di Meta declaratoria di decadenza del citato permesso;
altresì è stata richiesta alla Procura della Repubblica di accertare se dai fatti fossero ravvisabili estremi di reato penalmente perseguibili;

considerato che in data 12 ottobre 2017, in palese violazione di ogni norma di legge e in mancanza di ogni pronunciamento sia del responsabile ufficio urbanistica sia dell’autorità di polizia giudiziaria sono iniziati i lavori con l’abbattimento di una fiorente alberatura sopravvissuta alla devastazione del territorio ormai portata avanti sistematicamente negli ultimi anni da una vera lobby politico-affaristica;
ciò premesso, di fronte all’inerzia delle diverse autorità e alla complicità palese nell’avallare comportamenti illegittimi quanto illegali mi riservo di valutare ogni iniziativa nei confronti di chiunque sia responsabile che sarà chiamato a rispondere in tutte le sedi di ogni omissione e complicità.
La circostanza della decadenza del permesso a costruire era stata confermata dall’illustre prof. avv. Daniele Granara dei VAS presente a Sorrento domenica scorsa per la cerimonia di premiazione del Procuratore Nazionale antimafia e del dott. Davigo“.