WWF sull’emergenza incendi al Vesuvio: se serve intervenga l’Esercito!

Stampa

inferno-al-vesuvioQuella degli incendi è un’emergenza che richiede una mobilitazione straordinaria e rispetto alla quale, se necessario, bisogna far intervenire anche l’esercito. La Sicilia e in particolare Messina continua a bruciare. Da quattro giorni le fiamme non hanno sosta e la parte nord della dorsale dei Monti Peloritani è praticamente distrutta. Le alte temperature e la continua azione dei piromani, che non accenna a diminuire rendono la situazione esplosivaLa situazione resta critica anche nel Lazio e nella provincia di Roma. In Campania siamo di fronte ad un attacco diretto alle aree protette. Dopo il Parco nazionale del Cilento e il Parco dei Monti Lattari ora le fiamme stanno divorando il Parco nazionale del Vesuvio dove si è arrivati ad un fronte del fuoco di 2 chilometri con gravi pericoli anche per la popolazione.

11-luglio-2017-4“Ormai gli incendi boschivi estivi, soprattutto al sud (ma non solo), sono come Babbo Natale la notte del 25 dicembre: tutti se li aspettano – dichiara Claudio d’Esposito presidente del WWF Terre del Tirreno – Eppure ogni volta, quando essi si presentano, sembra sempre che chi deve essere pronto ad affrontarli caschi dalle nuvole. Sul Vesuvio da giorni è l’inferno. Sui social le tante foto, scattate da ogni prospettiva e angolo dell’intera provincia, danno il senso dell’immane scempio attualmente ancora in atto.Siccità storica e temperature altissime hanno trasformato la pineta resinosa e il sottobosco del Parco del Vesuvio in una vera e propria torcia da innescare. Se a questo aggiungiamo incapacità ad attuare serie politiche di prevenzione, avvistamento e spegnimento degli incendi boschivi (poche forze dell’ordine con scarsi uomini e mezzi … i vigili del fuoco non bastano più e il Corpo Forestale dello Stato è stato abolito) la strada è facilitata a piromani, ai nemici del parco e agli incendiari “interessati” dal business che ne conseguee, tra un misto di incompetenza e cialtroneria, ancora una volta trionfano gli affari loschi delle mafie.”

11-luglio-2017-6Il WWF chiede di attivare immediatamente un controllo capillare del territorio e che venga aggiornato subito il catasto degli incendi, previsto dalla legge quadro in materia di prevenzione e lotta agli incendi n. 353/2000.Gli incendi mettono a rischio la vita di migliaia di cittadini e turisti oltre a quella degli animali che abitato i boschi e provocano danni enormi a cominciare dal costo per la collettività di migliaia di ettari di capitale naturale persi per sempre. Siamo in presenza di una situazione limite: per questo è necessario un intervento straordinario, a cominciare dal numero di uomini e mezzi sul campo che risulta insufficiente rispetto alla dimensione dell’emergenza.
Infine una dura condanna morale va alle tante amministrazioni che sono solite lesinare milioni di euro per feste, rassegne varie e fuochi d’artificio (devastanti e causa di incendi come accaduto in questi giorni a Positano) prevedendo briciole in bilancio per la difesa del patrimonio arboreo e dei boschi. Eppure, non dovremmo mai dimenticarlo – conclude Claudio d’Esposito – ognuno di noi durante la sua vita media sopravvive grazie all’ossigeno prodotto da 75 alberi … a cui bisogna dire solo GRAZIE!!!