Piano di Sorrento, rinviata la discussione sulla trasformazione del PSZ in Azienda Speciale

Stampa
Consiglio Piano foto©ViC

Consiglio Piano foto©PinP

PIANO DI SORRENTO – Nella seduta odierna del Consiglio Comunale è stato rinviato all’anno nuovo l’esame di uno degli argomenti più scottanti che sta creando fibrillazioni tra i Sindaci e le Amministrazioni dei Comuni Peninsulari: la costituzione dell’Azienda Speciale sui Servizi Sociali. Il tema era all’ordine del giorno, ma su proposta della stessa maggioranza è stato ritirato per ulteriori approfondimenti tecnici dovuti sia alla decisione del Comune di Vico Equense di ritirarsi dalla costituenda Azienda (decisione motivata dal parere del responsabile del settore che prevede una consistente lievitazione dei costi), sia dal parere richiesto e  fornito proprio stamattina dal legale del Comune amministrato da Vincenzo Iaccarino.

Nella seduta consiliare convocata per l’approvazione di variazioni di bilancio e debiti fuori bilancio si è registrata una certa tensione nella maggioranza ad opera dei due esponenti del PD, AntonioD’Aniello e Maria Laura Gargiulo che hanno contestato alcune variazioni proposte dalla giunta, fra cui quella della nomina del portavoce del sindaco, salvo però approvare la delibera. Sull’argomento sono intervenuti sia la capogruppo Marilena Alberino, sia la vice presidente del consiglio Simona D’Esposito a sottolineare come l’argomento fosse stato preventivamente discusso e approvato rispettivamente in gruppo e in commissione trasparenza. Contario il voto dell’opposizione dei Podemos mentre era assente l’esponente del Movimento 5 Stelle.