Anna Iaccarino: “…se è giornaletto…è anche politichetto!”

Stampa
Anna Iaccarino

Anna Iaccarino

PIANO DI SORRENTO – Tiene banco la polemica su facebook relativa alle cronache politiche apparse di recente su Agorà e criticate dal Gruppo Consiliare “Podemos” con alcuni post su facebook. Altre riflessioni hanno animato discussioni di piazza perchè l’ipotesi di un’alleanza tra maggioranza e opposizione è apparsa campata in aria, ma anche il riflesso di un certo disagio. Ecco allora che dopo un lungo silenzio irrompe sulla scena l’ex consigliera Anna Iaccarino che ha pubblicato il seguente post al vetriolo:  “Pensando ad Eco dovrei sorvolare, eppure non ho alcuna intenzione di farlo! La comunicazione è, nella migliore delle ipotesi, politicamente orientata, immaginare diversamente significa o essere nel paese di Alice o essere Alice sul pianeta Terra…tertium non datur!

Ora, qualcuno pensa di seguire un qualsiasi tg e avere una notizia che sia solo “pura notizia”, come racconto asettico di un fatto o di un comportamento? Qualcuno pensa di comprare un giornale da La Repubblica a Il fatto Quotidiano e leggere articoli che non seguano una linea politica o che non siano condizionati da un’idea politica? I media hanno un orientamento che può essere legato a ragioni economiche – coloro che materialmente li finanziano – o ideologiche, cioè legate ai motivi che uniscono e legano chi detiene quell’organo di informazione. In Italia nemmeno la RAI è politicamente neutra, figurarsi il resto! Il concetto è semplice e vale a tutti i livelli!

E vale anche in Penisola Sorrentina…e vale anche quando leggiamo qualcosa che, per un verso o per un altro, ci aggrada. Ora non me ne voglia nessuno, ma quelli, specialmente se chiamati a rivestire un ruolo pubblico, che si affrettano a parlare di “giornaletti” e “giornalini” o a virgolettare in senso di disprezzo la parola stampa (ovviamente solo quando qualcosa gli va di traverso, perché altrimenti la musica è ben diversa) spero si ricordino di essere in un piccolo paese di provincia…mica si aspettano di finire, per le loro mirabili gesta, su La Repubblica o su Il Corriere della Sera e di essere intervistati da Mieli o da Zucconi? Non la penso così, ma x chi proprio ci tiene alle proporzioni: Il giornale parla del Politico e il giornaletto del politichetto…