A Vico Equense l’aria pulita viene prima di tutto, parola del Sindaco Migliaccio

Stampa

Migliaccio BenedettoQuella del Sindaco Benedetto Migliaccio di voler tutelare la salute dei Cittadini combattendo a suon di ordinanze le cause del crescente livello di inquinamento dell’aria che respiriamo è sicuramente una battaglia di civiltà oltre che politica su cui occorre riflettere innanzitutto perchè si tratta di un impegno a tutela degli interessi generali. Nella stagione dove la politica privilegia quasi esclusivamente interessi particolari imbattersi in un Sindaco impegnato come non mai a qualificare l’immagine della propria Città e a salvaguardarne la qualità della vita significa trovarsi innanzi a una “mosca rara” presi come sono gli altri Sindaci, anche nel resto della Penisola, da ben altri problemi e molto meno edificanti.

L’emergenza traffico con la clamorosa iniziativa di inibire il transito in Città durante le ore del giorno aveva scatenato il putiferio degli Operatori costretti ad attraversare Vico Equense nelle ore notturne. Poi c’è stata una tregua, il Sindaco si è affidato a un esperto per una consulenza tecnica, quindi l’avviso all’ANAS di sedersi attorno allo stesso tavolo per trovare la soluzione a quello che è un disastro bell’è e buono causato dalla parziale inagibilità del nuovo megatunnel. Gli scarichi di gas nel tunnel di Santa Maria di Pozzano, ha scritto il Sindaco in una lettera all’ANAS, imemttono fumi pericolosi e inquinanti riscontrati in sito in una concentrazione tale da risultare dannosa per l’ambiente. “Per evitare effetti e ripercussioni a catena, s’invita peraltro l’ANAS a prendere immediati contatti con l’Amministrazione Comunale per disciplinare i flussi veicolari al fine di scongiurare che l’ istituzione di ZTL al Centro Antico o soluzioni consimili determinino conseguenze pesantissime sulla circolazione veicolare anche per gli altri Comuni della penisola sorrentina.

I provvedimenti definitivi saranno adottati, a tutela della salute dei cittadini e della salubrità dell’ ambiente, non appena arriveranno i rilievi tecnici da parte di ARPAC Campania”. Parole che non lasciano ombre di dubbio sulle reali intenzioni del Sindaco impegnato in questa crociata con il gigante ANAS che sfugge alle proprie responsabilità rischiando di gettare nel caos la mobilità intera della Costiera Sorrentina.  “L’Amministrazione comunale – spiega Migliaccio – attenderà comunque il sopralluogo ARPAC e le relative risultanze prima di adottare provvedimenti di carattere impositivo. In via del tutto cautelare appare però indispensabile diffidare da subito l’ ANAS all’ immissione in atmosfera di gas inquinanti senza adeguato ed efficace trattamento. Peraltro – continua il primo cittadino – al tavolo prefettizio grazie alla relazione del Professor Lorenzo Domenichini, consulente del Comune di Vico Equense, è altresì emerso che esiste apposito impianto di lavaggio fumi, previsto progettualmente e installato dall’ANAS nelle “più aggiornate” nuove Gallerie del Nord Italia, che sembra atto a risolvere il grave problema di desertificazione delle aree di macchia mediterranea riscontrato nel territorio di alta protezione ambientale di Vico Equense”.