Sorrento, l’affondo di Rosario Fiorentino contro l’Amministrazione-Cuomo

Stampa
Rosario Fiorentino

Rosario Fiorentino

di Rosario Fiorentino

Oggi ci siamo svegliati senza acqua. Una situazione bruttissima. Sorrento senza acqua. Non è la prima volta e non sarà nemmeno l’ultima, ma ciò nonostante non si puo non dire che si tratta di una ennesima vergogna. La giornata continua, ti chiama una guida turistica con un gruppo di turisti francesi che ti chiede aiuto per i ritardi e i guasti della Vesuviana. Sorrento sembra tutto tranne che una città internazionale con milioni di presenze all’anno e con una comunità laboriosa ed impegnata, ma molto distratta sui beni comuni e sulle ripetute deficenze del Comune di Sorrento.

Si perchè il mare è inquinato, le strade rotte e piene di buchi,  il tavolo della destagionalizzazione scomparso, il Comune non incassa i fitti di conduttori per oltre 500 mila euro, la Scuola Viottorio Veneto ci sono somme spese in più del progetto finanziato ed approvato per oltre 600 mila euro. Insomma stiamo ridotti male e nonostante ciò facciamo bene ad andare avanti. Raggiungo l’ufficio e ricevo la telefonata di un giornalista che mi chiede alcune cose sulla sospensiva del TAR sulla nomina del dirigente Daniele De Stefano ed io rispondo che è l’ennesimo errore fatto in buona fede da gente incapace e incompetente. Mi fermo qua!