Esclusivo/A Piano la “trattativa” del listone sotto esame per “negoziati particolari”

Stampa

termometro politicoPIANO DI SORRENTO – Indiscrezioni riferiscono che sulla tormentata vigilia elettorale pianese, dove non si riesce a trovare un minimo accordo su una candidatura per la formazione di una lista dalla quale, però, nessuno vuole restare escluso, il problema sono non soltanti i posti e le cariche, ma anche le promesse che qualcuno sta cercando di estorcere in cambio del sostegno a tizio o a caio. Indiscrezioni divenute di pubblico dominicio e che sarebbero state attenzionate al fine di avviare alcune verifiche su questi particolari  “negoziati” in corso tra uscenti e aspiranti sindaci. Il clima è teso, i telefoni bollenti e i colloqui tanti, forse troppi al punto che qualche orecchio indiscreto o, meglio, inopportuno ha ascoltato e si è mosso!

Insomma, oltre agli scontri e alle divisioni un sotterraneo “mercato delle vacche” allunga un’altra, preoccupante ombra su questa vigilia della presentazione delle liste. Qualcuno si comincia a interrogare sul perchè si ostinano a “rosicchiare lo stesso osso” indifferenti a qualsiasi ragionamento di pubblico interesse. In questo la posizione di Vincenzo Iaccarino, sostenuta da Pasquale D’Aniello, continua a contraddistinguersi  per longevità e trasparenza. Intanto altre fonti riferiscono dell’ennesimo tentativo di convincere Gianni Iaccarino a tornare sui propri passi, ma i conti non sembrano tornare per una serie di “pretese” che qualcuno ha definito anche “ricatti politici“. Uno scontro duro avrebbe coinvolto anche il gruppo di riferimento di Anna Iaccarino. Su questo fronte potrebbero emergere sorprese dell’ultimo minuto in grado di sconvolgere per l’ennessima volta i piani di qualcuno.