Vico Equense alle urne, una dichiarazione del Sindaco Benedetto Migliaccio

Stampa

Sindaco Migliaccio foto di ViCVICO EQUENSE andrà alle urne nella prossima tornata elettorale così come Piano di Sorrento e nei due centri della Penisola Sorrentina si lavora per la messa a punto delle alleanze e quindi delle liste che dovranno confrontarsi sottoponendosi al giudizio degli elettori. Rispetto a Piano di Sorrento, a Vico Equense la politica sembra molto in ritardo, quasi come se non incombesse una scadenza tanto impegnativa. Merito probabilmente del Sindaco Benedetto Migliaccio che, dall’anno scorso guida l’Amministrazione, si sta preoccupando soprattutto di ricollocare strategicamente la città sullo scenario politico e socio-economico non solo locale, ma anche nazionale e internazionale.

Ciò attraverso importanti iniziative in grado di assicurare al Comune più grande dell’intera Costiera un protagonismo nuovo e a 360 gradi per rilanciarne l’immagine valorizzando e promuovendone le potenzialità in campo culturale, storico-artistico-paesaggistico, enogastronomico, commerciale. Pur se alle prese con i problemi della quotidianità, il Sindaco Migliaccio non trascura neanche per un momento il progetto che potrebbe cambiare il volto, ma soprattutto i destini della Città. Nel mentre si registrano le prime timide manovre politiche, Migliaccio ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Qualcuno, penso volendo recarmi insulto subliminale, mi ricorda sempre di essere un “facente funzioni”; non ho molta considerazione per la sua intelligenza! Considero un onore, ma soprattutto una pesante responsabilità sedere su questa poltrona, per cui ho obbligo di esercitare con pienezza le relative funzioni, senza lasciare sminuire il prestigio della carica da personaggi, invidie e gelosie di piccolo cabotaggio! Opero ogni giorno come fosse il primo e l’ultimo, cosciente di aver vissuto un privilegio ma consapevole di dover dare un’impronta netta a questo periodo avvalendomi di quanto ben fatto da chi mi ha preceduto e lasciando lavoro fatto per chi seguirà. Non credo – conclude Migliacciodi essere candidato ad alcunchè, né pongo la mia persona a disposizione di altro che di questo periodo. Le forze politiche della mia maggioranza sapranno individuare, con lealtà tra di loro e nell’ interesse del paese, il profilo più adatto a rivestire il ruolo di candidato”.