Piano di Sorrento Vincenzo Iaccarino a Rossella Russo: “su mensa e trasporti i conti non tornano…”

Stampa
Dr. Vincenzo Iaccarino

Dr. Vincenzo Iaccarino

Rossella Russo

Rossella Russo

PIANO DI SORRENTO – La consigliera Anna Iaccarino ha presentato un’articolata interrogazione sulla gestione del servizio mensa scolastica che sarà discussa nel prossimo Consiglio Comunale, ma quello che la Iaccarino in accoppiata con il collega Vincenzo Iaccarino sta preparando è un vero e proprio accertamento ai raggi X sulla gestione del servizio mensa e trasporto scolastico. Qui la palla passa a Vincenzo Iaccarino che non usa molti giri di parole per andare al nocciolo del problema: “Abbiamo studiato e stiamo studiando tutti gli atti relativi alla gestione della mensa scolastica e del servizio di trasporto alunni e dai nostri calcoli i conti non tornano…assolutamente!

Abbiamo confrontato bilanci, delibere, determine e quanto altro inerisce settori di competenza dell’Assessora Rossella Russo e siamo convinti che occorre fare chiarezza sui numeri… Perchè se le cose stanno come ci risulta, allora vuol dire che mentre in alcuni settori si chiedono sacrifici, non ci sono disponibilità finanziarie e si cerca di far cassa vendendo il patrimonio comunale, in altri si creano dei veri e propri tesoretti, o tesoroni, che lasciano assolutamente mano libera all’Assessora. Gli atti istruiti dai funzionari non lasciano spazi a dubbi per cui abbiamo la necessità di capire anche da loro come gestiscono i bilanci e come vengono impiegate le risorse pubbliche nella scuola. Sia chiaro – conclude Iaccarino – qui non possiamo fare sconti a nessuno perchè parliamo di scuola e di bambini”.

Dai discorsi più seri passiamo a quelli più frivoli, che però riguardano sempre il mondo della scuola, dove un Babbo Natale ha portato gli auguri e piccoli doni agli studenti (e tornerà a farlo negli ultimi giorni di scuola) premurandosi di sottolineare che i doni provengono dal Sindaco Ruggiero e dall’Assessora Russo. I bambini l’hanno riferito ai genitori molti dei quali, stupiti, non hanno apprezzato l’iniziativa nè la strumentalizzazione del premuroso babbo natale e stanno pensando di chiederne conto alla dirigente scolastica. “Non ho parole – spiega Vincenzo Iaccarino – perchè su certe cose bisogna essere premurosi all’incontrario, non togliere la fantasia del babbo natale ai bambini, nè mettere nomi e cognomi di pubblici amministratori sotto certe iniziative che interessano il mondo della scuola. E’ questione anche di sensibilità…”.