Carabinieri Sorrento, il cap. Marco La Rovere alla guida della Compagnia

Stampa
Cap. Marco La Rovere

Cap. Marco La Rovere foto di ViC

SORRENTO – Da lunedì 14 settembre 2015 la Compagnia dei Carabinieri della Penisola Sorrentina ha un nuovo comandante, il Capitano Marco La Rovere che ha preso il posto del Maggiore Leonardo Colasuonno. La Rovere ha 28 anni ed è nato a Chieti. Ha frequentato il liceo scientifico per accedere poi all’Accademia Militare dove ha svolto i primi due anni a Modena e i successivi 3 conseguendo la laurea in Giurisprudenza. A Roma ha assunto due incarichi: comandante di plotone presso l’8° Reggimento Lazio, dove si è occupato di ordine pubblico, e successivamente quello di comandante di plotone compagnia di intervento e nucleo operativo a Roma, l’impatto con la grande città.

Nel dicembre 2012 è stato trasferito al nucleo operativo e radiomobile di Bologna Borgo Panigale che rappresenta, nella sua giovane carriera, una tappa decisiva sul piano dell’esperienza maturata sul campo. Assunto il grado di capitano ha voluto arricchire la propria esperienza nelle regioni del Sud d’Italia e in particolare in Campania e a Napoli giudicata, al di là dei problemi, una grande e affascinante metropoli con la sua provincia. “Ho avuto la fortuna di essere nominato al comando della Compagnia di Sorrento che è una realtà a sé stante dal resto della Campania. Confesso di essere rimasto incantato da questi luoghi non appena sono fuoriuscito dai tunnel e sono certo che maturerò un’esperienza importante in questa realtà dove i problemi sono diversi rispetto ad altre realtà, ma sui quali occorre vigilare e non abbassare mai la guardia”. Considerata l’età il cap. La Rovere è anche un profondo conoscitore dei nuovi media e nell’uso delle diverse e moderne tecnologie, in primis “…i social che rappresentano un’importante realtà e ci proiettano in un mondo che definisco della generazione 3.0: insieme ai punti di forza, però, si celano anche insidie e questo i giovani devono comprenderlo per sfuggire ai rischi della rete. Con i ragazzi delle scuole a Bologna ho potuto approfondire questi temi riscontrando un grande interesse sui problemi, per esempio, della difesa contro il cyberbullismo. Ce ne occuperemo sicuramente anche a Sorrento…”. La Direzione e la Redazione di PinP e del nostro giornale “M&DSOrrento“, nel salutare il magg. Colasuonno e ringraziarlo per il lavoro svolto, porgono il benvenuto al Cap. Marco La Rovere con l’auspicio di realizzare gli obiettivi del suo lavoro al servizio del Paese, impegno che ogni giorno si fa sempre più gravoso e complesso a prescindere dalle realtà in cui si opera e che quindi merita sostegno e collaborazione da parte dei cittadini”.