Sorrento, Cuomo revoca parzialmente il divieto di balneazione a Marina Piccola

Stampa
Giuseppe Cuomo

Giuseppe Cuomo

SORRENTO – Svolta decisionista del sindaco Giuseppe Cuomo che ha deciso di revocare il divieto di balneazione a Marina Piccola nel tratto compreso tra la spiaggia libera di San Francesco e la Villa Pompeiana. A spingere il Sindaco all’adozione del provvedimento sono stati gli esiti favorevoli delle analisi del 19 agosto, si legge nel comunicato stampa del Comune, e che sono stati resi noti oggi. “E’ la conseguenza dei lavori di riparazione effettuati dalla Gori sulla condotta fognaria, in località Marina Piccola, che si è provveduto a sostituire, in un tratto, con nuove tubature: opere ultimate nella serata del 20 agosto – spiega Cuomo – L’area interdetta alla balneazione si è quindi ridotta a soli 100 metri e a breve si tornerà alla normalità.

Siamo fiduciosi che i prossimi prelievi dell’Arpac, previsti per martedì, ci permetteranno di consentire la balneazione lungo tutto l’arenile di San Francesco. Già ora è possibile verificare, ad occhio nudo, che l’acqua è tornata trasparente anche alla foce del rivolo”. Cuomo ha inoltre annunciato che, una volta raggiunto l’obiettivo di restituire la balneazione a cittadini e turisti, sarà “sollecitata la Gori a svolgere un lavoro costante e continuo di monitoraggio affinché tali eventi non si verifichino più. Rimane una pagina nera per Sorrento e per l’intera penisola, un fatto grave che ha leso l’immagine, l’economia e la dignità di un intero territorio – dichiara il sindaco – Lavoreremo insieme e al fianco di coloro che hanno il desiderio di operare nell’esclusivo interesse dei cittadini, delle imprese, dei lavoratori e delle migliaia i turisti che ogni anno scelgono Sorrento, anche per godere del nostro mare”. Sotto pressione per quanto accaduto e per il rimbalzo internazionale della notizia, Cuomo ha deciso di derogare a quanto previsto dalla legge in materia di controlli sui livelli di inquinamento senza aspettare il prelievo in programma per martedì venturo. Il Sindaco è la massima autorità sanitaria locale, ma in base alla legge e per la tutela della salute pubblica è tenuto al rispetto di quanto previsto in materia di controlli da parte dell’autorità preposta, nel caso l’Arpac, e al Ministero della Salute. La revoca dell’ordinanza assunta il 18 agosto è avvenuta quindi dopo il controllo effettuato il 19 agosto e per il quale era in programma la seconda verifica di rito per martedì 25 agosto. Evidentemente Cuomo non ha retto alla pressione degli operatori balneari per questo week end per cui ha deciso di revocare l’ordinanza. Ora bisognerà capire quali potranno essere i risvolti di questa decisione irrituale.

ORDINANZA Balneabilità