Bilanci di previsione 2015: nessuna proroga, l’intervento di Fassino Presidente dell’ANCI

Stampa

FassinoAnciIl Governo non ha prorogato la data di scadenza del 30 luglio 2015 per l’approvazione dei bilanci di previsione 2015 degli enti locali per cui, scaduto il termine, inizia la corsa contro il tempo per procedere all’adempimento che, presumibilmente, dovrà aver luogo subito dopo il ferragosto. L’ANCI non aveva richiesto un’ulteriore proroga, come spiega il Presidente Piero Fassino in un comunicato stampa col quale annuncia l’impegno assunto dal Ministro dell’interno di invitare i Prefetti a raccordarsi con i Comuni inadempienti ai fini dell’approvazione che, ricordiamolo, qualora non avesse luogo comporta lo scioglimento del Consiglio Comunale inadempiente. Questo il testo del comunicato: “L’ANCI ed i Comuni italiani hanno tenuto fede all’impegno preso mesi fa a non presentare ulteriori richieste di proroga del termine per la chiusura dei bilanci preventivi 2015’’. E’ quanto sottolinea il presidente dell’Associazione dei Comuni Italiani Piero Fassino, il quale ricorda però che ‘’tale impegno era stato assunto all’inizio di giugno, avendo il Governo assicurato la adozione, nei giorni immediatamente successivi, del cosiddetto ‘decreto enti locali’’.
‘’La realtà – sottolinea Fassino – è tata diversa: il decreto, che apprezziamo perché contiene aspetti rilevanti per la corretta redazione dei bilanci, è stato varato invece pochi giorni fa e ancora non ha concluso il suo iter di conversione in legge. A questo si aggiunga poi che più di 1.000 Comuni sono stati coinvolti nella recentissima tornata elettorale, con tutte le ovvie ricadute sulla attività amministrativa. E infine non può essere negato che il 2015 è un anno particolare, carico di impegni ulteriori per le amministrazioni locali impegnate a fare i conti con la introduzione del nuovo sistema di contabilità. Tutto questo – conclude il Presidente ANCI – indica che vi erano valutazioni oggettive che avrebbero potuto ragionevolmente portare il Governo a prendere in considerazione autonomamente l’opportunità di una proroga dei termini di approvazione dei bilanci per tutti i Comuni. Così non è stato e ne prendiamo atto. Ringrazio comunque, a nome dei Comuni italiani, la disponibilità dimostrata dal Ministro dell’Interno, il quale ha assicurato una sensibilizzazione dei Prefetti, per un rapporto collaborativo con i Sindaci circa tempi e modalità di approvazione dei bilanci’’.