Il Movimento 5 Stelle replica al Presidente Reale di “Peninsula Felix Giovani”

Stampa

movimento_5stelle LOGODal Movimento 5 stelle della Penisola Sorrentina riceviamo la replica all’intervento di Giuseppe Reale, presidente di “Peninsula Felix Giovani” in merito ai contributi erogati dal Comune di Sorrento e al ruolo svolto dall’oggi consigliere Luigi Di Prisco.

“Egr. Direttore, la replica al nostro comunicato stampa relativo alla vicenda dei contributi concessi dal Comune di Sorrento all’associazione “Peninsula Felix” non fa altro che rafforzare il nostro convincimento che la vicenda meriti chiarimenti in altre e più opportune sedi diverse dalla stampa, senza con ciò togliere merito al Suo lavoro e le ragioni sono presto spiegate. Detta replica viene inviata dal dottor Reale Giuseppe, che si qualifica Legale Rappresentante dell’associazione “Peninsula Felix Giovani”. In particolare il dottor Reale si lamenta del fatto che la sua associazione sarebbe citata impropriamente nel nostro comunicato stampa e che questa citazione impropria sarebbe frutto di un nostro errore, cagionato dal fatto che nell’albo delle associazioni “…è presente un ulteriore soggetto associativo che nulla ha a che vedere con l’organo da me presieduto. Si tratta dell’Associazione Peninsula Felix Onlus, che probabilmente gli scriventi hanno confuso con l’Associazione Peninsula Felix Giovani”, come scrive lo stesso Reale.

Parasdossalmente, però, non siamo stati noi a confonderci, bensì proprio il Reale, visto che nel nostro comunicato non viene citata una sola volta l’associazione “Peninsula Felix Giovani” (presieduta dal Reale), ma sempre e solo l’associazione Peninsula Felix, presieduta dal neoeletto Consigliere comunale Luigi Di Prisco, stando sempre a quanto riportato nell’albo delle associazioni. D’altronde non poteva essere altrimenti, atteso che nella determinazione da noi contestata (la numero 748 dell’8 giugno scorso di cui alleghiamo la DETERMINAFN(1)  del dirigente del I settore, dottor Antonino Giammarino fa riferimento ad una nota inviata dall’associazione Peninsula Felix e non dall’associazione Peninsula Felix Giovani. Quindi appare evidente che se a chiedere di svolgere quel servizio è stata Peninsula Felix l’affidamento non potrebbe essere fatto a Peninsula Felix Giovani.

A meno che, come il Reale, non si sia confuso anche il dirigente del I settore dottor Antonino Giammarino. Tuttavia, se è così facile confondersi, un motivo dovrà pur esserci ed è un motivo che va sicuramente oltre la particolare somiglianza tra i nomi dei due sodalizi associativi. Infatti, stando sempre alle notizie presenti nell’albo delle associazioni, sia Peninsula Felix che Peninsula Felix Giovani hanno la propria sede sociale in Sorrento alla via Padre Reginaldo Giuliani n. 39, peraltro lo stesso civico in cui risiedeva, quanto meno fino a poco tempo fa, lo stesso neo eletto Consigliere Luigi Di Prisco. Inoltre come ci spiega lo stesso Reale il neo eletto Consigliere Luigi Di Prisco per il passato avrebbe fatto parte anche di Peninsula Felix Giovani, ma avrebbe poi “…lasciato ogni tipo di qualifica, compresa quella di socio, lo scorso 01/07/2014. Per maggiore precisione La informo che, fino a quella data, il Sig. Di Prisco ha svolto egregiamente l’attività di responsabile delle attività culturali”.

Se è vero però quanto scrive Reale – e non abbiamo motivo di dubitarne – per quale motivo sempre sul sito istituzionale del Comune di Sorrento viene riportato un comunicato datato 1° agosto 2014 (un mese dopo che il Di Prisco aveva lasciato ogni carica) in cui ci sono delle dichiarazioni rese dallo stesso Di Prisco che si qualifica ancora “…responsabile per le attività culturali dell’Associazione Peninsula Felix Giovani”? (alleghiamo anche in questo caso e ad esclusivo beneficio dei lettori il link http://www.comune.sorrento.na.it/archivio10_notizie-e-comunicati_0_834_12_1.html) Per quale motivo, ancora, lo stesso Di Prisco in data 14 marzo 2015 (otto mesi dopo aver lasciato ogni tipo di qualifica, compresa quella di socio) partecipa quale “responsabile del progetto” curato dall’associazione Peninsula Felix Giovani e relativo al cosiddetto archivio di Saltovar? (questo è l’altro link http://www.sorrentopost.com/sorrento-apre-larchivio-saltovar-libri-e-articoli-di-giornali-raccolti-da-silvio-jannuzzi-e-donati-alla-citta/ ). Insomma, non ce ne voglia il dottor Reale, ma crediamo che debba cercare altrove il suo “rammarico per quanto accaduto” e non certo nella nostra attività civica e politica che è guidata esclusivamente dall’intento di veder prevalere i principi della legalità e della trasparenza nell’azione della Pubblica Amministrazione”.