Meta alle urne/I programmi di Antonelli, Tito e Viggiano. Le “regole elettorali” di PinP

Stampa
A. Viggiano e G. Tito

A. Viggiano e G. Tito

META – Dopo l’ultimo adempimento relativo alla costituzione dei seggi elettorali è partita la campagna elettorale che porterà all’elezione del nuovo sindaco e della nuova amministrazione con le novità di recenti approvate dal Governo-Renzi in materia di rappresentanza di genere (obbligatorio il rispetto della quota del 40%). Il Sindaco uscente Paolo Trapani prende le distanze da tutti e tre i concorrenti alla successione specificando che nessuno di loro può accreditarsi come continuità con l’amministrazione uscente.

Trapani1 foto PinPLa presenza di consiglieri e assessori uscenti nelle liste concorrenti, è il concetto di Trapani, non rappresenta un simbolico passaggio di testimone per cui il Sindaco si tira fuori dall’agone elettorale lasciando che gli aspiranti primi cittadini e le loro liste conquistino sul campo il diritto a costituire la nuova amministrazione. A questo punto un occhio ai programmi serve anche a comprendere in nome di quali idee e programmi Antonelli, Tito e Viggiano con le rispettive squadre chiedono il consenso e il sostegno agli elettori metesi. Pubblichiamo di seguito i programmi elettorali delle tre liste. Nello spirito di assicurare una par condicio informativa tra i candidati sindaci e le loro liste, PinP garantisce lo spazio relativo a proposte, iniziative e interventi prodotti dalle rispettive liste e contrassegnati con l’indicazione di “comunicati”. Allo stesso modo eventuali pubblicazioni di carattere elettorale saranno contrassegnati come “propaganda” di liste e/o candidati sindaci e/o consiglieri.