Meta alle urne, Peppe Tito pronto a fare un passo in dietro in nome dell’unità del PD

Stampa
Giuseppe Tito

Giuseppe Tito

META – Il mandato del PD al sindaco Paolo Trapani di formare la lista per le amministrative del 25 maggio 2014 potrebbe avere buon esito nei prossimi giorni soprattutto per l’indiscrezione che trapela dal quartier generale di uno dei principali esponenti dell’Amministrazione uscente e anch’egli espressione del PD: l’ex assessore Giuseppe Tito.

Paolo Trapani

Paolo Trapani

La principale novità riguarderebbe proprio Tito che avrebbe confidato, nell’interesse del PD, di essere pronto a fare un passo in dietro, cioè di rinunciare alla propria candidatura in favore della nipote Francesca Ferraro che entrerebbe nella lista guidata da Trapani.

L’iniziativa, se dovesse concretizzarsi, potrebbe in breve sbloccare la situazione e chiudere i giochi in casa PD dove il segretario Nicola Mollica e la portavoce del PD peninsulare Stefania Astarita hanno dato il via libera a Trapani dopo averne incassato l’intesa su alcuni aspetti programmatici ritenuti pregiudiziali per l’investitura. Fra questi il Poliambulatorio che Trapani intendeva chiudere e che ha visto proprio il PD di Stefania Astarita ingaggiare un vero e proprio braccio di ferro col Sindaco. Pace fatta con la Astarita che certamente sarà anche candidata in questa tornata elettorale. Se dovesse essere confermata la decisione di Tito, allora Trapani potrebbe sciogliere la riserva sulla formazione della lista già nei prossimi giorni.