Vico Equense, sospeso il taglio dei Pini secolari a Seiano. Soddisfatto il WWF

Stampa
I Pini secolari di Seiano

I Pini secolari di Seiano

VICO EQUENSE – La notizia non può che rallegrare quanti hanno a cuore le sorti del territorio e dell’ambiente in Penisola Sorrentina. I due spettacolari e secolari Pini domestici (Pinus pinea) che da sempre svettano alti e monumentali sulla sponda occidentale della valle di Seiano, per il momento non saranno abbattuti. Infatti il Comune di Vico Equense ha deciso di sospendere l’autorizzazione al taglio delle piante. Il più grosso dei due, con una circonferenza del tronco di mt. 3,70, già dalla seconda metà dell’800 faceva parte del paesaggio e della geografia dei luoghi e per circa un secolo e mezzo ha contribuito, con il suo esteso apparato radicale, ad ancorare il terreno e la scarpata in un sito definito dall’Autorità di Bacino del Sarno ad elevato rischio frana.

LA SODDISFAZIONE DEL WWF PENISOLA SORRENTINA

Claudio D'Esposito

Claudio D’Esposito

Attualmente gli alberi si presentano con chiome folte e rigogliose, con una verticalità perfetta e in ottimo stato di salute, come tra l’altro attestato nella stessa perizia di parte che ne sottolinea però il rischio che, una volta raggiunto il termine del ciclo vitale, stimato dal tecnico in due secoli, essi si possano ammalare e indebolire mettendo a repentaglio, in caso di caduta, l’incolumità di persone e cose.
Ammesso e non concesso – dichiara Claudio d’Esposito del WWF Penisola Sorrentina che quei pini una volta raggiunti i 200 anni debbano realmente deperire o morire (…ma non è assolutamente detto che accada) si potranno sempre abbattere il giorno dopo… ma non è razionale né giustificato farlo oltre mezzo secolo prima!!! Quel che è certo è che, ad oggi, nulla lascerebbe sospettare e/o temere per la loro stabilità strutturale.”
Tuttavia i timori di crollo e l’interessamento di un privato, la cui abitazione si erge a valle dei maestosi esemplari, sembrerebbero avere dato il via alla richiesta del proprietario dei pini per la loro eliminazione definitiva.
Il WWF Penisola Sorrentina, grazie ad una perizia geologica commissionata all’esperto Dott. Geol. Francesco Paolo Buonocunto, ha sottolineato come l’intervento di taglio delle due conifere secolari sicuramente avrebbe determinato un aumento di rischio da dissesto di frana da scivolamento, rendendo vano il potere imbrigliante dell’ingente apparato radicale tuttora in essere su un versante in materiale parzialmente sciolto ed incoerente, con vegetazione di alto fusto già scarsa. In tali zone – sostiene infatti il WWF – l’equilibrio geologico è così delicato e precario che illudersi di risolvere il problema semplicemente eliminando in toto la vegetazione arborea rischia di essere assolutamente pericoloso e devastante. Analoghi interventi di eliminazione per temuto pericolo di grossi alberi, posti su scarpate instabili o sui cigli di valloni, hanno avuto, il più delle volte, come diretta e documentata conseguenza il verificarsi di crolli ed eventi franosi.

ACCOLTE LE OSSERVAZIONI TECNICHE DELL’ASSOCIAZIONE

Gennaro Cinque

Gennaro Cinque

Una volta eliminati gli alberi è infatti proprio il disseccamento dell’enorme massa radicale a costituire la causa di probabili successive frane.  Inoltre per poter autorizzare il taglio degli esemplari arborei è necessario richiedere ed ottenere il nulla osta dell’Autorità di Bacino e della Soprintendenza Paesaggistica preposti alla tutela dei vincoli esistenti nell’area.
Siamo contenti che il Responsabile dell’Ufficio Ambiente del Comune di Vico Equense abbia saputo recepire le indicazioni della nostra associazione, sospendendo quello che rischiava di essere un ingiustificato e grave attentato al patrimonio arboreo storico e monumentale del Comune di Vico Equense che, qualora messo in essere, avrebbe trasformato un rischio temuto in un più grave rischio accertato di innesto di evento franoso, a danno dell’incolumità pubblica e privata delle unità abitative non solo a valle ma anche a monte.  Siamo fiduciosi infine che il primo cittadino di Vico Equense saprà ora adoprarsi per promuovere, in ottemperanza alla Delibera di Giunta n.178/2014, il censimento dei due secolari esemplari di Pinus pinea di grande importanza paesaggistica e rappresentativi dell’identità del territorio della frazione di Seiano”.