Politica, Informazione e Censura…Scontro all’arma bianca su Facebook

Stampa

facebookIn queste ore sulla rete si sta consumando uno scontro all’arma bianca sulla “censura” di un articolo pubblicato da Salvatore Caccaviello su Positanonews inerente un commento che l’ex sindaco di Sant’Agnello, Gianmichele Orlando, ha fatto in merito alla partecipazione a un convegno sulla mobilità in Costiera da parte dell’assessore al corso pubblico Antonino Castellano criticandone le scelte operate ed evidenziando l’esistenza di un suo “conflitto di interessi” in materia di viabilità. Questo articolo (che abbiamo richiamato in un nostro post dedicato al convegno senza però entrare nel merito dei contenuti), successivamente è stato rimosso dalla direzione del giornale innescando la polemica che ha preso corpo su FB. Perchè ci soffermiamo sul caso? La ragione è semplice: si sta ponendo in modo sempre più preoccupante il problema del condizionamento della politica sull’informazione locale, nelle sue diverse forme.

Una questione che periodicamente rimbalza sui social dove si leggono dichiarazioni anche piuttosto gravi. Il problema investe però l’etica e la deontologia professionale dei giornalisti, non di chi scimmiotta il mestiere! E’ urgente perciò che si faccia chiarezza nell’interesse del pubblico, ma anche e soprattutto degli operatori di informazione perchè taluni comportamenti compromettono la serietà e la professionalità di quanti fanno in modo corretto il proprio lavoro. Quando si leggono dialoghi come quelli che sono apparsi su FB oggi, non è possibile non porsi una serie di interrogativi con l’auspicio che ci si riappropri, da parte di tutti, di diritti e doveri per rispetto della gente e di chi fa il proprio dovere con serietà, competenza ed onestà.

Paola d’Esposito Progetto Casa

Il direttore ha ritenuto che non fosse un’articolo ma un’intervento e che quindi non rappresentava il giornale, ritenendo anche che si rasentavano le offese, se Orlando vuole fare un’intervento lo fa lui di suo pugno inviandolo come avviene d consueto a tutte le testate e non sotto forma di articolo che richiama la responsabilità del direttore

Salvatore Caccaviello

L’unica colpa di Orlando è quella di non essere sponsor di positano news. Per quanto riguarda l’articolo è un opinione personale , di un cittadino, di un professionista , che conosce bene le dinamiche del suo paese , dato che ne è stato per un periodo di tempo sindaco. Si vorrebbe quindi sapere dove stanno le offese e gli offesi. Sarebbe opportuno che la redazione imparasse bene a leggere gli articoli da pubblicare. Oltre a risolvere altri problemi noti all’opinione pubblica…..

Paola d’Esposito Progetto Casa

Orlando può mandare una mail di suo pugno come fanno tutti i politici a tutti i giornali e fare un comunicato

Paola d’Esposito Progetto Casa

Piùttosto perchè non difendiamo chi invece viene attaccato direttamente dal potere politico e veramente fa le cose spassionatamente come Lello?