Associazione “A. Caponnetto”: solidarietà a Gennaro Ciliberto, testimone di giustizia

Stampa

Associazione CaponnettoROMA – L’Associazione Antimafia Antonino Caponnetto esprime piena ed incondizionata solidarietà a Gennaro Ciliberto, il testimone di giustizia che con il suo coraggio ha consentito allo Stato di portare alla sbarra un sanguinario clan del napoletano, mettendo in luce anche i rischi per l’incolumità dei cittadini derivanti da opere pubbliche realizzate con materiali di scarto da imprese riferibili al gruppo malavitoso. In queste ore Gennaro Ciliberto è stato costretto ad una protesta estrema. Si trova infatti incatenato dinanzi alla Procura della Repubblica di Napoli, al centro Direzionale, dopo aver cercato inutilmente di parlare con il pubblico ministero Siracusa, che aveva ricevuto dalla Procura della Capitale il fascicolo riguardante la sua testimonianza.

LO STATO ABBANDONA I TESTIMONI DI GIUSTIZIA

Il suo caso è quello dell’ennesimo abbandono, da parte dello Stato, di uomini e donne che mettono a repentaglio la propria vita e quella dei loro familiari per consentire alla Giustizia di compiere passi avanti nel ripristino della legalità e per fermare l’imponente avanzata delle cosche mafiose. Beni preziosi, che sono di tutti, ma che troppo spesso costano prezzi altissimi a coloro che si espongono in prima persona, talvolta nel silenzio delle stesse istituzioni. Ciliberto, che in seguito alle sue testimonianze è rimasto senza casa e senza lavoro, ed è tuttora costretto a vivere in un’automobile, è un uomo ammalato, che necessità di farmaci salva-vita, «perché – dice – voglio fermamente arrivare vivo alla prossima udienza del processo contro il clan», che si terrà a breve, e dove è atteso per testimoniare. Nel rinnovare la propria vicinanza a Ciliberto e ai tanti testimoni di giustizia lasciati soli, il segretario dell’Associazione Caponnetto, Elvio Di Cesare, invita la magistratura e i media a prestare la massima attenzione rispetto a quello che si pone come un punto dirimente, se davvero si intende compiere passi avanti decisivi nella battaglia dello Stato contro il dilagare della criminalità organizzata, che sta distruggendo la nostra democrazia e la civiltà del Paese.
(contatti 347.3615263)